Brescia, via al corso per formare 16 nuovi macellai

Il corso, giunto alla sua ottava edizione, si svolgerà dal prossimo 12 marzo fino al 5 maggio 2018 a Rezzato, in provincia di Brescia, ed è aperto ai candidati provenienti dalle provincie di Brescia, Bergamo, Cremona e Verona

1
Macellaio a Brescia
Macellaio a Brescia

Adecco, società specializzata in servizi di somministrazione di lavoro a tempo determinato e indeterminato e outsourcing, in collaborazione con l’operatore della GDO Italmark, ha annunciato oggi l’apertura delle iscrizioni per il corso professionalizzante 2018 da macellaio banconiere.

Il corso, giunto alla sua ottava edizione, si svolgerà dal prossimo 12 marzo fino al 5 maggio 2018 a Rezzato, in provincia di Brescia, ed è aperto ai candidati provenienti dalle provincie di Brescia, Bergamo, Cremona e Verona. L’opportunità si rivolge ad aspiranti macellai, in possesso di diploma/qualifica di scuola alberghiera e con una forte passione per il mondo della cucina.

I 16 aspiranti macellai selezionati potranno partecipare al corso professionalizzante gratuito e della durata di 358 ore (250 di pratica, 104 di teoria e 4 di visita aziendale), per essere formati come figure dalla professionalità elevata nel campo della macelleria e idonee ad essere inserite con successo all’interno del mercato del lavoro.

Il percorso formativo approfondirà le tecniche del taglio, della porzionatura e delle preparazione delle carni, assicurando ai partecipanti le necessarie competenze per affrontare un proficuo rapporto con la clientela, e la piena autonomia nella gestione della professione.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ennesimo corso finanziato dai vari enti bilaterali che, invece di aumentare le paghe ai lavoratori, foraggiano interinali e societa’di formazione varia, per illudere la gente e, al limite, assumerli in somministrazione o comunque a tempo determinato, giusto per incassare i contributi e sfruttare a poco prezzo manodopera sempre più disposta a tutto? Ormai lo sanno anche i sassi che il lavoro c’è se è a buon mercato e senza tutele. Per questo servono questi enti. Per questo serve anche tanta manodopera straniera: per schiavizzarla sotto queste nuove forme.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome