Esame commercialisti: a Brescia passa 1 su 3, a Napoli 9 su 10

Alla Parthenope di Napoli ha passato l'esame ben l'89 per cento dei candidati, mentre alla Federico II l'88 per cento. Una percentuale identica a quella dell'Università di Campobasso e poco superiore a quella di Palermo (84 per cento)

0
Studenti a Brescia
Studenti a Brescia

Gli esami non sono uguali per tutti. E’ quanto emerge da un’indagine del Corsera di Brescia, che mette a confronto le percentuali di successo all’esame da commercialista in diverse province italiane. I dati (che si riferiscono al 2015, ma non sembrano essere variati di molto) sono quasi sconvolgenti. A Brescia, infatti, a passare l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione è soltanto un aspirante su tre (36 per cento). Evidentemente le commissioni della Leonessa sono molto più benevole di quelle di Trento (13 per cento) e di Venezia (18 per cento). Ma molto – molto – più rigide di quelle del Sud Italia.

Alla Parthenope di Napoli, infatti – scrive Vittorio Cerdelli – ha passato l’esame ben l’89 per cento dei candidati, mentre alla Federico II l’88 per cento. Una percentuale identica a quella dell’Università di Campobasso e poco superiore a quella di Palermo (84 per cento). Mentre nella Capitale si è leggermente sotto (77 per cento a Tor Vergata). Ma mediamente la percentuale di promossi aumenta man mano che si scende nello stivale, e – non a caso – non sono infrequenti i casi di pendolari dell’esame. Tra i commercialisti come tra gli avvocati, dove si segnalano anche casi eccellenti con figure – brescianissime – che hanno occupato ruoli politici di primo piano, ma hanno superato l’esame dalle parti di Reggio Calabria.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome