Rugby Brescia, secondo sorriso della II Fase: vittoria 20-17 sul campo di Parabiago

Il match si apre con una lunga fase di studio, nella quale Brescia fa ottima figura, conducendo il gioco e facendosi vedere a più riprese nei 22 metri dei padroni di casa

0
Brescia si impone sul campo di Parabiago - foto da ufficio stampa
Brescia si impone sul campo di Parabiago - foto da ufficio stampa

Fase nuova, Rugby Brescia nuovo. Grazie a un’altra prestazione, dopo quella di domenica scorsa, all’insegna della personalità e della concretezza, i biancoblu espugnano il campo del Rugby Parabiago con il punteggio di 20-17 e si confermano ai piani alti del Poule 4 in questa II Fase del campionato di Serie A. Personalità dicevamo, è la parola chiave, perché dopo essere andati sotto 7-0 prima e 14-5 poi, il tutto nel primo tempo, Locatelli e compagni hanno reagito alla grande nella ripresa, sovrastando i padroni di casa soprattutto nell’intensità del proprio gioco.

Il match si apre con una lunga fase di studio, nella quale Brescia fa ottima figura, conducendo il gioco e facendosi vedere a più riprese nei 22 metri dei padroni di casa. Ma sono proprio i rossoblu a portarsi in vantaggio, approfittando al minuto 20 di una lunga pressione nella metà campo bresciana che si conclude con la meta di Colombo trasformata da Maggioni: 7-0 Parabiago. I ragazzi di coach Pisati, però, non stanno a guardare e un paio di minuti dopo riescono subito ad accorciare le distanze con la bella progressione di Bianchini, bravo a infilare sull’out di sinistra la difesa milanese e a depositare l’ovale al di là della linea di meta, con Carilli che purtroppo non trova la trasformazione. La prima frazione prosegue poi sui binari dell’equilibrio, con le due squadre a darsi battaglia soprattutto nella zona nevralgica del campo. Almeno fino alle battute finali, quando Parabiago riesce un po’ a sorpresa a piazzare la seconda meta del pomeriggio, realizzata da Baudo e trasformata da Maggioni, portandosi così sul 14-5 con cui si va al riposo.

Brescia cerca di iniziare il secondo tempo all’insegna dell’aggressività, dando il tutto per tutto per riaprire la gara. Obiettivo ampiamente raggiunto e superato, perché nei primi dieci minuti arrivano ben due mete: la prima con Secchi Villa non trasformata da Carilli (14-10 Parabiago), la seconda con Fierro trasformata da capitan Locatelli (17-14 ospite). Brescia c’è e lo dimostra per la capacità sia di uscire bene da situazioni difficili nei propri 22 metri, sia di rendersi pericolosa nei 22 metri rossoblu: come al 20′, quando solo un intervento in extremis di Souaré sventa la quarta meta biancoblu. Ma come nel primo tempo, Parabiago riesce a capitalizzare al meglio una delle rare sortite offensive, con Maggioni che al 31′ manda a bersaglio un calcio di punizione (17-17). Arriva anche l’esordio in Serie A di Davide Galvani, classe 2000 prodotto del Settore Giovanile del Rugby Brescia, che al 35′ si conquista un calcio di punizione sulla linea dei 10 metri: è Pellegrino che si incarica della trasformazione, senza però trovare i pali. Poco dopo, però, lo stesso Pellegrino si riscatta alla grande mandando a bersaglio un altro calcio piazzato che riporta Brescia in vantaggio sul 20-17 a un paio di minuti dal termine. I padroni di casa si riversano nella metà campo bresciana, ma non trovano lo spunto per fare male alla difesa: finisce così con i ragazzi di coach Pisati in festa dopo aver conquistato la seconda vittoria consecutiva di questa Seconda Fase.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome