Truffa sul Garda: finto uomo d’affari, conti veri, carta di credito vuota

In pochi giorni ha lasciato un conto da 1500 euro: 600 per un rinomato albergo di Desenzano e 900 per un autista che l'ha scarrozzato in lungo e in largo

1
Un uomo d'affari
Un uomo d'affari, foto da Wiki

In pochi giorni ha lasciato un conto da 1500 euro: 600 per un rinomato albergo di Desenzano e 900 per un autista che l’ha scarrozzato in lungo e in largo. Ma la cifra potrebbe essere molto più ampia, visto che ha viaggiato tra Trento e Milano, pranzando anche in un costoso ristorante di piazza Duomo.

Peccato che, quando si è trattato di pagare il conto, il finto uomo d’affari rumeno – che si presentava come imprenditore del settore petrolifero e farmaceutico, e portava con sè anche penne brandizzate e biglietti da visita aziendali – non avesse nemmeno un euro.

Con sè, riferisce Bresciaoggi, il truffatore portava soltanto una carta di credito inutilizzabile, e le forze dell’ordine – allertate da albergo e autista – non hanno potuto fare altro che identificarlo. Ora scatteranno le querele, nella speranza – quasi impossibile – di recuperare qualche soldo.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome