Immigrati, Bordonali all’attacco: a Brescia sono già troppi

L'esponente della Lega: in città un cittadino su cinque è immigrato e la disoccupazione tra gli stranieri regolari è del 18%. Due dati che spiegano in maniera chiara come a Brescia non sia possibile al momento accogliere altre persone

1
Immigrati
Immigrati

“In città un cittadino su cinque è immigrato e la disoccupazione tra gli stranieri regolari è del 18%. Due dati che spiegano in maniera chiara come a Brescia non sia possibile al momento accogliere altre persone”. A dirlo è , assessore alla Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione della Regione Lombardia e candidata alla Camera per la Lega Nord.

“Sul tema dell’immigrazione nella nostra città – si legge in una nota – la stampa nazionale e internazionale di sinistra in questi giorni è andata in cortocircuito. A distanza di pochi giorni, Le Monde ha citato Brescia come modello mondiale di integrazione mentre L’Espresso l’ha dipinta come la culla della xenofobia e del razzismo, con uno sconcertante articolo intitolato ‘Brescia nera, viaggio nella città dove cresce il razzismo’. Semplificare un problema così complesso è impresa ardua, ma sicuramente hanno torto sia l’una che l’altra testata. Non possiamo infatti dire che il percorso di integrazione degli immigrati a Brescia sia concluso. Ci sono alcuni quartieri dove gli stranieri sono maggioranza rispetto agli italiani e questo crea enormi problemi legati principalmente alla sicurezza e al disagio sociale. Dall’altro lato tuttavia possiamo con certezza dire che Brescia non è una città razzista. È solo stanca dei problemi portati dalle migliaia di immigrati clandestini presenti in città. Chiedere il rispetto delle regole non significa essere xenofobi. Lo stesso Procuratore generale di Brescia Pier Luigi Maria Dell’Osso – incala l’esponente del Carroccio – ha ammesso che ‘L’impatto sul territorio Bresciano di immigrati clandestini in numero cospicuo e crescente contribuisce a creare condizioni di crescita di fenomeni di devianza criminale in termini ancor più marcati che nell’area milanese’. Questo significa descrivere la realtà, non mistificarla, e chi non vuole vederla è fuori dal mondo o semplicemente non vive sul territorio bresciano”.
“Chi dice che servirebbero più immigrati per la nostra economia o per pagarci le pensioni – conclude Simona Bordonali – mente sapendo di farlo. Per questo è necessario un cambio radicale nelle politiche migratorie a livello nazionale e mi auguro che il 4 marzo anche dalle urne bresciane emerga questa esigenza”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Non c’è posto? E dove li spostiamo cara bordonali? Che poi ben sai che questa gente serve per alimentare la nuova schiavitù del lavoro a 3 euro l’ora che fa comodo a tutti i poteri forti del nostro paese. Quindi sai anche che non si fará nulla, com’è successo fino ad ora. E sia con governi di destra che di sinistra. Fanno comodo e basta. Se poi creano problemi alla gente (sia chiaro ai poveri, non ai benestanti che tanto non li hanno come vicini) poco importa. Anzi è un argomento su cui fare campagna elettorale…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome