Furti in casa: più sistemi di sicurezza domestici per diminuire il rischio

Cresce il numero di effrazioni domestiche compiute con successo dai ladri in Italia: secondo le rilevazioni dell’Unione Europea nel nostro Paese sono stati circa 2 milioni i furti portati a termine nell’ultima decade

0
Furti in casa
Furti in casa

Cresce il numero di effrazioni domestiche compiute con successo dai ladri in Italia: secondo le rilevazioni dell’Unione Europea nel nostro Paese sono stati circa 2 milioni i furti portati a termine nell’ultima decade. È un dato allarmante, che va ad aggiungersi ad una media di circa 230.000 effrazioni su base annua, e che impone dunque grande attenzione da parte dei cittadini della Penisola. Fra le altre cose, ad oggi molti furti avvengono prima delle 21.00: alcune volte alla luce del sole, dunque in fasce orarie altrimenti insospettabili. Il “gioco” dei rapinatori è piuttosto evidente: puntare sull’elemento sorpresa per cogliere impreparate le persone. Per questa ragione, oggi vedremo cosa fare per evitare di divenire vittime di un furto, passando in rassegna alcuni consigli preziosi.

Aumentare i sistemi di sicurezza passiva

In primo luogo bisogna rinforzare i sistemi di sicurezza passiva, trasformando la casa in un vero fortino. Protezioni come le inferriate e le porte blindate, infatti, sono utili perché agiscono in due modi: da un lato minimizzano le chance di successo dei tentativi di effrazione, dall’altro fungono da veri e propri dissuasori, spingendo i ladri a pensarci due volte prima di attaccare la casa. Una menzione a parte va fatta per i sistemi d’allarme: ne esistono di diverse tipologie, che possono anche essere usate in combinazione. Basti pensare ai sistemi perimetrali che, insieme ai sistemi d’allarme wireless, rappresentano una doppia linea di difesa notevole. Anche i grandi classici sono comunque preziosi: parliamo del cuneo serra-porta, utilissimo per rinforzare la barriera della porta blindata. Infine, un altro esempio di sistema per la home security è l’allarme volumetrico.

Installare un sistema di video-sorveglianza

Oggi i sistemi di video-sorveglianza sono diventati, oltre che smart, anche meno costosi rispetto al passato: è possibile installarne uno professionale, con tanto di videocamere all’interno e all’esterno, oppure usare la webcam del computer in combinazione con un software apposito. Ad esempio, uno dei più noti in questo campo è Sentry Vision Security: questo programma funziona captando il video dalla webcam e trasferendolo in tempo reale su un server consultabile da remoto, dunque da qualsiasi postazione. Ovviamente dev’essere presente una connessione per fare tutto ciò e a tal proposito si possono valutare ad esempio le offerte di internet per casa di operatori come Linkem, ideale per chi cerca soluzioni a basso costo. L’acquisto di sistemi di videosorveglianza professionali, invece, è consigliato per chi ha un budget più ampio.

Curare i rapporti col vicinato

Il vicinato è sempre la prima linea di difesa, quando accade qualcosa di strano nel quartiere: curare i rapporti con i vicini, dunque, equivale a stringere un “accordo silente” con un’autentica squadra di sorveglianti. Così facendo, se succederà qualcosa di poco chiaro, o al primo movimento sospetto, è molto probabile che verrete allertati voi e la polizia. Poi è sempre meglio fare attenzione alla vostra privacy: mai comunicare i vostri spostamenti sui social network, perché potrebbe esserci un malintenzionato pronto a sfruttare queste informazioni preziosissime per lui. Cercate piuttosto di utilizzare i social in modo discreto, anche curando tutte le impostazioni per la privacy dei post (dunque non rendendoli pubblici).

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome