Bombe carta in via Gatti, 5 studenti confessano: un gioco

Avrebbero ammesso tutte le responsabilità, affermando di essere pronti a pagare i danni, i cinque giovani individuati dai carabinieri e accusati di aver lanciato una bomba carta contro le casette di via Carta e il campo nomadi di Rezzato

1
Carabinieri
Carabinieri

Avrebbero ammesso tutte le responsabilità, affermando di essere pronti a pagare i danni, i cinque giovani individuati dai carabinieri e accusati di aver lanciato una bomba carta contro le casette di via Carta e il campo nomadi di Rezzato.

Inizialmente l’Arma aveva battuto la pista politica. Ma poi è emersa un’altra verità, non meno inquietante. I cinque giovani (un universitario 19enne e cinque studenti 18enni di un professionale della città) hanno spiegato che avevano dei petardi avanzati da Capodanno e che quindi hanno deciso di farli esplodere in quel modo. Niente a che fare, dunque, con la politica.

I militari sono arrivati agli autori del gesto grazie alle targhe di un’auto. I cinque sono indagati per getto pericoloso di cose, violazione di domicilio e danneggiamento.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome