Guerra delle preferenze, ecco chi festeggia e gli esclusi in città

Interessante è anche osservare come è andata a finire la guerra delle preferenze nelle singole liste, dove non sono mancate le sorprese

1
Massimop Taccono, Lega
Massimop Taccono, Lega

Il nuovo consiglio comunale di Brescia, a grandi linee, è fatto. Ma interessante è anche osservare come è andata a finire la guerra delle preferenze nelle singole liste, dove non sono mancate le sorprese.

Nel Pd, come detto, quasi tutti eletti. L’unico degli uscenti che non dovrebbe farcela è il consigliere Tommaso Gaglia. Ma anche il giornalista di William Geroldi ha mancato il seggio. Per quanto riguarda invece le preferenze, oltre quota mille Muchetti e Manzoni, mentre il terzo posto va alla ex deputata (709). A seguire il capogruppo uscente Fabio Capra (685) e il presidente della Fondazione Asm Roberto Cammarata (658).

Nella lista Castelletti, tripudio di preferenze per il vicesindaco uscente, seguità dal pupillo Fabrizio Benzoni e da due ex socialisti doc: Dionigi Guindani e Mafalda Gritti. Mentre nella civica delboniana, in attesa di sapere se Patitucci sarà ripescato, è da segnalare il primo posto del giovane Alessandro Cantoni, con ben 493 preferenze. Fuori, con pochi voti, l’ex consigliere regionale . Ma anche l’assessore uscente Felice Scalvini non è andato bene: davanti a lui, nella guerra delle preferenze, sono ben in 14.

A sinistra, dopo il tandem Fenaroli Albini, ci sono – in ordine – Chiara Zappa e . Mentre in Brescia 2030, 519 preferenze non sono bastate all’assessore uscente Roberta Morelli per centrare il seggio (la lista non dovrebbe avere consiglieri): bene nelle preferenze anche Abdoul Munaf Chioudry (351). Nell’altra civica delboniana, la 2.0, infine, il più preferenziato è stato Pino Mongielli con 84 voti.

Nel centrodestra, in Forza Italia, è stata guerra a quattro. Il primo è stato il segretario cittadino Paolo Fontana (546), seguito da Mattia Margaroli. Luigi Gaggia si è fermato a 403, mentre è arrivato a 350 e Flavio Bonardi a 228.

Nella tutti a votare Simona Bordonali (1472), ma bene è andato anche il capogruppo . Terzo posto per Giampaolo Natali, protagonista di una campagna elettorale tra le più costose. Tra gli esclusi l’ex consigliere regionale Alessandro Marelli, che si è fermato a 118.

Mentre in Fratelli d’Italia a sorpresa il più votato è stato l’ex forzista Giovanni Acri, che ha scavalcato nettamente anche il coordinatore provinciale Giangiacomo Calovini. Merito, anche, dei voti della comunità calabrese bresciana, di cui potrebbe aver beneficiato anche il primo della civica X Brescia Francesco Natale Raineri (quarta l’ex consigliere comunale forzista ). Infine l’Udc con pochi voti, ma un podio formato da Zaninelli, Agnellini e Petriccione.

Tra i cinquestelle, invece, il più votato è stato Fausto Cavalli, con 115 voti. Tre in più di Guido Menapace. Ma in Loggia enterà solo il candidato sindaco Ghidini. Mentre tra le liste minori la più votata è stata , che però non ha raggiunto nemmeno l’1 per cento: il più preferenziato, con solo 54 voti, è stato l’ex segretario provinciale della Dino Greco. Un misero bottino anche per Casa Pound, dove il più votato è stato l’ex sindaco di Trenzano Andrea Bianchi con 7 voti.

 

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome