Picchia passeggero del bus e aggredisce la Polizia: pusher nigeriano arrestato

L'uomo, che aveva droga nascosta nelle mutande e nello zaino, ha aggredito anche gli agenti intervenuti sul posto: sarà espulso

0
Polizia
Polizia

Un nigeriano è stato arrestato dalla di Brescia per aggressione, resistenza a Pubblico ufficiale e detenzione di .

I fatti – avvenuti su un della linea 3 all’altezza di via valcamonica – risalgono a lunedì 20 agosto, intorno alle 20.30. Secondo la prima ricostruzione, il conducente stava discutendo con un passeggero pakistano sull’acquisto del biglietto, quando – nella contesa – è intervenuto il nigeriano, infastidito per la perdita di tempo e il ritardo del bus. L’africano, quindi, ha aggredito verbalmente il pakistano, colpendolo al volto con un pugno.

Sul posto sono intervenute due volanti del Comissariato del Carmine: il nigeriano, già noto per fatti analogi, è stato subito individuato. Ma quando gli agenti si sono avvicinato a lui, l’uomo ha negato ogni responsabilità, facendo pressioni perché il mezzo ripartisse.

Gli agenti l’hanno quindi sottoposto a perquisizione: nella sua biancheria intima il nigeriano aaveva un sacchetto contenente droga, che ha prontamente cercato di infilare in bocca per ingoiarlo. Ma i poliziotti sono riusciti a bloccarlo. Non senza fatica. Perché a quel punto l’immigrato si è scagliato con violenza contro gli agenti.

Il giovane è stato arrestato per i reati di Resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni aggravate: tre poliziotti hanno riportato lesioni a mani e polsi guaribili in 10 e 23 giorni. Oltre a questi reati, la Questura di Brescia ha contestato al nigeriano, O.L. classe 1996, la detenzione di sostanza stupefacente ai fini di : l’involucro che aveva tentato di ingoiare conteneva circa 13 grammi di hashish e nel suo zainetto vi erano ventotto bustine in plastica trasparente atte al confezionamento delle singole dosi di stupefacente da rivendere.

Nella mattinata di ieri, in sede di convalida, oltre alla misura cautelare del divieto di dimora in Brescia e provincia, è stato concesso il nulla osta all’espulsione. Questa mattina, infine, è stato eseguito l’accompagnamento del nigeriano presso uno dei Centri di Permanenza, in attesa del rimpatrio coatto.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome