Cade nel bosco, cercatore di funghi trovato con il segnale del cellulare

Il dispositivo in dotazione ai soccorritori, che funziona solo se c'è campo per le onde del cellulare, ha questa volta facilitato le operazioni di soccorso non sempre semplici

1
Soccorso Alpino
Soccorso Alpino

Lo hanno ritrovato grazie ad un dispositivo che intercetta il segnale lanciato dal cellulare.

Gli uomini del sono riusciti a salvare, nel pomeriggio di ieri, un cercatore di funghi che era caduto e non riusciva più a muoversi.

L’uomo si trovava in un bosco a 1.300 metri di quota, tra i monti di Sonico. Scivolato per almeno una decina di metri non riusciva a rialzarsi ed ha chiamato la moglie, che da casa ha allertato i .

Giunti nelle vicinanze del posto, i tecnici del Soccorso Alpino hanno telefonato all’uomo e sfruttando il dispositivo che intercetta il segnale del cellulare hanno individuato la sua posizione esatta.

Le squadre del Soccorso Alpino, della Guardia di Finanza di Edolo e poi il personale dell’elicotteo di Trentino Emergenza hanno tratto in salvo l’uomo, che è stato trasportato all’ di Trento.

Il dispositivo in dotazione ai soccorritori, che funziona solo se c’è campo per le onde del cellulare, ha questa volta facilitato le operazioni di soccorso, non sempre semplici, soprattutto quando si tratta di individuare la posizione di persone che si sono perse tra i boschi e che si sono ferite.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. […] La 52enne si trovava in località Stablo, a circa 1400 metri di altezza, quando – forse per una caduta forse per aver appoggiato male il piede – si è fratturata la caviglia. Immediata la chiamata ai soccorsi con l’intervento da parte degli uomini della V Delegazione Bresciana del Soccorso Alpino. Questa è solo l’ultima disavventura che ha visto coinvolta una persona in cerca di funghi. […]

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome