Energia, l’allarme di Confartigianato: bollette più care di 1,3 miliardi

Eugenio Massetti torna alla carica per denunciare lo squilibrio nell’imposizione di tasse e oneri generali di sistema sulle bollette degli imprenditori italiani

0
ECONOMIA A BRESCIA - Eugenio Massetti (presidente Confartigianato) - diritti Andrea Tortelli
ECONOMIA A BRESCIA - Eugenio Massetti (presidente Confartigianato) - diritti Andrea Tortelli

«Meno consumi, più paghi: è l’assurda regola che costringe le piccole italiane a sborsare per l’energia elettrica 1,3 miliardi in più rispetto alle aziende più grandi». Il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia, nonché delegato nazionale all’Energia e Smart City, sottolinea che i maggiori costi, ricalcolati recentemente da Confartigianato, sono una regola assurda: torna quindi alla carica per denunciare lo squilibrio nell’imposizione di tasse e oneri generali di sistema sulle bollette degli imprenditori italiani.

Le attività più piccole consumano poco più del 34 per cento dell’energia, ma pagano il 46,3% degli oneri generali di sistema. Nel frattempo, le grandi imprese in alta tensione consumano il 19,2% dell’energia ma pagano soltanto il 9,3% degli oneri. Bollette alla mano, il paradosso è evidente: una piccola impresa in bassa tensione sborsa 7,1 euro di oneri ogni 100 kWh, mentre una grande azienda in alta o altissima tensione paga soltanto 2,6 euro. Ed ecco spiegato il maggiore costo di oltre 1 miliardo di euro a carico dei piccoli imprenditori.

«Il problema si trascina da tempo e Confartigianato lo ha indicato al Governo tra quelli più urgenti da risolvere. Basti dire che oneri generali di sistema e accisa pesano per il 38% sull’importo finale delle loro bollette elettriche. E allora – conclude il oresidente Massetti – serve con urgenza una riforma che elimini l’assurda disparità di trattamento che penalizza i consumi elettrici delle piccole imprese rispetto alle grandi».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome