Brescia, sabato sindacati e sinistre in piazza con i migranti

Anche la leonessa, come altre città italiane, si mobilita per "dire no alla barbarie": appuntamento alle 15.30 in piazza Vittoria

0
Una manifestazione pro diritti degli immigrati, foto generica
Una manifestazione pro diritti degli immigrati, foto generica

Sabato 27 ottobre, come in tante altre città italiane, anche Brescia si mobilita. Un nutrito gruppo di associazioni ha indetto una manifestazione nazionale dal titolo “Con i migranti per fermare la barbarie”.

In una nota congiunta le associazioni rendono noto che «in Italia e in Europa risuonano forti campanelli di allarme. I principi di civiltà e di convivenza democratica sono tornati a essere bersagli di chi vuole dividere, reprimere, escludere, cacciare. Razzismo e xenofobia vengono ogni giorno instillati tra gli italiani del Nord e del Sud, e si diffondono nelle città e nelle periferie sociali. Ma se prima si trattava soltanto di segnali universalmente considerati negativi, adesso i sintomi sono rappresentativi di un’involuzione profonda. E fanno paura».

Il presidio intende inoltre dichiarare la contrarietà al Decreto Sicurezza del Governo «che punta a demolire il diritto d’asilo, a consegnare ai privati l’accoglienza puntando sui grandi centri che alimentano corruzione e razzismo, scaricando sui territori costi, disagio e tensione sociale. Abbiamo il compito di tenere alta la bandiera della civiltà, della pace, della convivenza tra diversi, della democrazia. È il tempo di compiere un primo, grande, passo. Tutti insieme. E possiamo farlo manifestando»

L’appuntamento a Brescia è per sabato 27 ottobre, dalle ore 15.30, in piazza Vittoria (Quadriportico) per un presidio in cui interverranno associazioni e cittadini. Tra gli organizzatori che aderiscono all’iniziativa: Adl Zavidovici, Anpi, Arci, Cgil, Uil, K-Pax, Emergency, Fabi, Forum Salute Mentale Brescia, Legambiente, Libertà e Giustizia, Libera, Mani Tese Liceo Calini, Movimento Nonviolento, Udu, Comitato Senza Confini, RestiamoUmani-CittadiniResistenti, Senonoraquando Comitato di Brescia.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome