Pallanuoto, presentata in Loggia la nuova An Brescia femminile

Ieri pomeriggio, nella suggestiva Sala dei Giudici, è stato presentato il team che si appresta ad affrontare la serie A2

0
Pallanuoto, l'An Brescia femminile
Pallanuoto, l'An Brescia femminile

Parte ufficialmente da Palazzo della Loggia – uno dei simboli della città, nonché sede dell’Amministrazione comunale -, la stagione dell’An Brescia femminile: ieri pomeriggio, nella suggestiva Sala dei Giudici, è stato presentato il team che si appresta ad affrontare la serie A2, categoria già conosciuta dalla bresciana in rosa (la precedente esperienza, con la denominazione Leonessa, risale al 2003-2004) ma che costituisce un nuovissimo traguardo da che (nel 2011) la società biancazzurra è ripartita recuperando il nome delle origini, Associazione Nuotatori Brescia.

Dunque, le Leonesse sono pronte a dar battaglia in una stagione agonistica che si annuncia tanto impegnativa quanto stimolante: dopo una trionfale annata (tutti vinti gli incontri della regular season e una sconfitta ai playoff, per altro ininfluente ai fini del salto di categoria) culminata con la promozione dalla serie B alla A2, l’An Brescia femminile è pronta a dare il meglio in un campionato, appunto quello della seconda serie nazionale, dall’alto coefficiente di difficoltà. Alla piena conferma del tecnico Edvin Calderara, è seguita la pressoché totale conferma della rosa dell’anno scorso: uno solo il nuovo innesto, ovvero la giovane (classe 2002) Gaia Di Lernia, proveniente dal Nuoto Club Milano (società di A1). Attaccante talentuosa, Di Lernia è stata chiamata per ampliare le soluzioni offensive delle Leonesse.

Per l’intero gruppo di Calderara, si tratta di un esordio assoluto e il tecnico ha già preso le misure per trasformare la comprensibile emozione in giusta carica agonistica. Principale obiettivo rimane la crescita delle tante giovani che formano l’organico, dando il meglio di partita in partita e lottando su ogni pallone per conservare la categoria e togliersi qualche soddisfazione.

L’avvio della nuova avventura sarà questa domenica, alle 12, con il match in casa del 2001 Padova; l’esordio casalingo, sarà domenica 20, a Mompiano, contro le liguri del Sori Pool Beach. La fase regolare del torneo prevede diciotto giornate, con la chiusura fissata al 26 di maggio.

«Ci tengo particolarmente a presentare le squadre nel luogo simbolo per eccellenza della città – a far gli onori di casa è Fabrizio Benzoni, consigliere comunale con delega allo Sport – e la presentazione della prima squadra della pallanuoto femminile è anche l’occasione per ringraziare le atlete per il brillante risultato dell’anno scorso, e per rivolgere il mio più sentito “in bocca al lupo” per la stagione alle porte».

«Ringraziando l’Amministrazione e, in particolare, il consigliere Benzoni, per l’ospitalità – dichiara il vice presidente, Alessandro Morandini, voglio sottolineare il lavoro di qualità effettuato dal nostro staff tecnico: ogni anno l’obiettivo è fare un passo avanti e, fino ad ora, ci siamo riusciti, soprattutto pensando alla crescita dei giovani. Ovviamente, vogliamo continuare su questa strada, impegnandoci ancora di più affinché le più giovani si avvicinino, al più presto, ai livelli più alti. Il tutto lavorando e giocando con il sorriso, sfruttando anche le sconfitte come opportunità di crescita».

«Per tutto l’ambiente – a parlare è coach Calderara, responsabile del settore femminile targato An -, questa stagione costituisce un esordio e dovremo crescere tutti, a partire dal sottoscritto: mi auguro che arrivino i risultati necessari a mantenere la categoria in modo da avere una base di alto livello che faccia da traino alla pallanuoto femminile bresciana. Sono contento del gruppo, il lavoro è stato portato avanti con impegno, entusiasmo e tanta voglia di migliorare: ora viene il momento di far fruttare le fatiche, il tutto, però, senza dimenticare di divertirsi».

«Siamo pronte, ne vedremo delle belle», questo il telegrafico intervento del capitano, Noemi Casali.

Da responsabile di tutto il movimento pallanuotistico bresciano (con quasi tutte le figlie protagoniste in acqua a seguire le orme del padre), anche Sandro Bovo ha preso la parola: «Prima di tutto, desidero ringraziare le ragazze per l’impresa della passata stagione: dopo anni di tentativi finiti male, avete tenuto duro conquistando, con pieno merito, la A2. A voi va anche la mia ammirazione per come riuscite a conciliare lo sport con lo studio e il lavoro; ormai siete un riferimento e questo si vede dal fatto che, rispetto al passato, riusciamo a reclutare più giovani. Dal canto suo, la società si è mossa, e si muove, bene fornendo le condizioni più adeguate per la crescita degli atleti. Da domenica si gioca e l’obiettivo e rimanere in A2, categoria che, alle giovani, consente una crescita più efficace. Il compito non è facile, lo sappiamo, ma siamo anche curiosi di vedere come reagiremo davanti alle nuove difficoltà».

Nel dettaglio, ecco le atlete della prima squadra femminile dell’An Brescia:

Alessandra Fanelli, 1992, portiere

Irene Fiorese, 2001, portiere

Rosanna Minello, 2002, portiere

Camilla Vitali, 1999, difensore

Beatrice Testa, 1993, difensore

Marta Buizza, 2001, attaccante

Noemi Casali, 1991, attaccante (capitano)

Laura Luci, 1994, attaccante

Benedetta Serra, 2001, attaccante

Chiara Facchinetti, 1997, centroboa

Chiara Barbieri, 2004, centroboa

Gaia Di Lernia, 2002, attaccante

Julia Usanza, 2005, centrovasca

Corinne Bovo, 2005, centrovasca

Matilde Vitali, 2002, centrovasca

Camilla Zanola, 1991, centrovasca

Sofia Alberici, 2003, centrovasca

Carola Bovo, 2002, centrovasca.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome