La nuova “figura” del nomade digitale: quanti ce ne sono a Brescia e dintorni?

Parliamo di una categoria di giovani e giovanissimi in grandissima crescita e di cui non si potrà che parlare sempre di più in futuro

0
Digitale
Digitale

Il nostro operoso nord Italia potrà non vederli di buon occhio, convinto che il lavoro sia quella cosa a cui si va tutti i giorni dalle 8,30 alle 18,30 con un’ora di pausa pranzo. Stesso ufficio, magari medesima scrivania, per quarant’anni, fino alla pensione. Come si rapportano queste persone con i “nomadi digitali”, una categoria di giovani e giovanissimi in grandissima crescita e di cui non si potrà che parlare sempre di più in futuro. Ci riferiamo a persone che hanno scelto di non vivere in un posto preciso, ma di spostarsi, viaggiare, cambiare città e casa, spesso o almeno quando ne sentono il bisogno.

“Nomadi”, quindi, nel suo significato vero e proprio. Perché “digitali”? Perché grazie a internet e alle nuove tecnologie possono spostarsi anche quotidianamente (anche se molti di loro preferiscono restare in un posto settimane, se non mesi) e lavorare allo stesso tempo. Sono webmaster, grafici, copywriter, fotografi, programmatori, guide turistiche, blogger e tanto, tantissimo altro.

Ma non pensate a queste persone come mantenute e figli di papà. Spesso lavorano quanto e più degli altri, semplicemente hanno trovato il modo di farlo da remoto. Viaggiano perché non possono fare a meno di farlo, viaggiano perché hanno capito che l’unico modo per allargare i propri orizzonti è quello di vedere il più possibile. Viaggiano perché sono annoiati e allergici alla vita che qualcuno definirebbe “borghese”, fatta di una famiglia, una bella casa e una macchina nuova fiammante. Sono ribelli? Alcuni. Diversi? Altri. Altri semplicemente hanno scelto di vivere in giro per il mondo, senza però rinunciare ad avere figli, a costruire una carriera e una rete sociale. I nomadi digitali sono tanti e differenti l’uno dall’altro, per questo chi li critica come “categoria sociale” è sulla strada sbagliata.

Ma davvero, ora vorremmo lasciare la parola ai nostri lettori e chiedere loro se si rispecchiano in persone come Michelangelo ed Elisa di 2backpack.it che hanno lasciato due lavori a tempo indeterminato per diventare digital nomad e oggi lavorano con clienti sparsi in tutta Europa.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome