Spacciatore clandestino fugge dai vigili fingendosi un manifestante anti-Salvini

In "carriera" era già stato arrestato tre volte per spaccio, due per resistenza a pubblico ufficiale e una per rapina

0
Sirene della Polizia locale, foto generica
Sirene della Polizia locale, foto generica

E’ una storia piuttosto curiosa quella raccontata dall’edizione odierna del quotiano Bresciaoggi. Un 43enne senegalese accusato di , infatti, è stato arrestato dagli agenti della al termine di una fuga da film… comico.

Venerdì pomeriggio, infatti, gli agenti lo hanno notato mentre cedeva alcune dosi di cocaina a due giovani di fronte a un bar del Carmine. I clienti sono stati fermati in corsetto Sant’Agata, mentre il pusher si è dileguato. Come? Mimetizzandosi tra gli attivisti del Magazzino 47 e i migranti che proprio in quel momento stavano manifestando contro il Decreto Salvini.

Purtroppo per lui, però, i vigili lo hanno notato – a manifestazione finita – mentre passeggiava nel quartiere. Per lui sono scattati l’arresto e la perquisizione domiciliare.

L’uomo, in Italia dal 2002, è risultato essere clandestino e pluripregiudicato: è stato condannato a sette mesi di carcere e subito rimesso in libertà dal giudice. Ma in “carriera” era già stato arrestato tre volte per spaccio, due per resistenza a pubblico ufficiale e una per rapina.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome