Pallanuoto, An Brescia a Bari per la final eight di Coppa Italia

Con grande determinazione l’An Brescia si accinge ad affrontare la final eight di Coppa Italia, in programma da venerdì a domenica, allo stadio del nuoto di Bari

0
An Brescia pallanuoto
An Brescia pallanuoto

Fuori i secondi, nel mirino, il primo obiettivo stagionale: è con piena consapevolezza e grande determinazione che l’ si accinge ad affrontare la final eight di Coppa Italia, in programma da venerdì a domenica, allo stadio del nuoto di Bari, stessa sede della passata edizione.

All’epilogo del primo – in ordine cronologico – trofeo nazionale, il sette di arriva da un brillante crescendo di prestazioni in Champions League (i pareggi di Barcellona e Budapest, e le seguenti nette vittorie a Mompiano su Ferencvaros e Barceloneta), e le intenzioni dei biancazzurri sono di continuare a migliorare fino alla conquista del primo traguardo dell’anno. Come normale che sia, la concorrenza sarà più che agguerrita, con la Pro Recco che, una volta di più, parte con i favori del pronostico: nei quarti di finale, venerdì, alle 16.30, l’An se la vedrà con la Lazio Nuoto e, in caso di vittoria, sabato, alle 16.15, è attesa la semifinale con la vincente tra Sport Management e Bogliasco (Recco-Posillipo e Canottieri Napoli-Ortigia, gli altri quarti di finale; tutti gli incontri saranno in diretta streaming su Waterpolo Channel, semifinali e finale per il primo posto, anche su Rai Sport).

«È senz’altro bello vedere la propria squadra giocare bene, e vincere, in Champions – dichiara il presidente biancazzurro, Andrea Malchiodi -, ma, di fatto, non abbiamo alzato alcun trofeo; ora siamo all’assegnazione del primo titolo della stagione e daremo tutto per non fallire all’appuntamento. In tutto l’ambiente pallanuotistico avverto la curiosità riguardo quello che possiamo realmente fare, e noi per primi vogliamo verificare fino a che punto siamo cresciuti. Come in passato, la formula della competizione rende il cammino molto arduo: senza voler minimamente mancare di rispetto alla Lazio, penso che il passaggio in semifinale sia alla nostra portata. Lì, è più che preventivabile l’ennesimo incrocio con lo Sport Management, per un’altra sfida col coltello tra i denti. Dovesse andare bene la semifinale, ci sarà poco tempo per recuperare le fatiche e tornare in acqua per giocarsi il trofeo. Va be’, non è una novità e la preparazione è stata fatta anche in questa prospettiva; la cosa importante è che i ragazzi sono in forma, le ultime prove in Champions sono servite tanto dal punto di vista mentale, e tutti sono pronti a dare il 110 per cento. Siamo contenti di tornare a Bari, vediamo di cambiare l’esito della passata edizione».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome