Omicidio di Urago Mella, Diva Borin uccisa da due persone?

Secondo l'autopsia - la donna sarebbe stata strozzata (forse con un foulard), mentre contemporaneamente le venivano tappati naso e bocca

0
Polizia scientifica al lavoro
Polizia scientifica al lavoro

Continuano le indagini della procura sulla morte di Diva Borin, l’86enne che lo scorso primo marzo è stata trovata senza vita sul divano di casa. Il nulla osta alla sepoltura non è ancora stato concesso per consentire nuovi acccertamenti sul corpo, ma – secondo l’autopsia – la donna sarebbe stata strozzata (forse con un foulard), mentre contemporaneamente le venivano tappati naso e bocca. Un quadro che starebbe orientando gli investigatori verso il coinvolgimento di più di una persona nell’.

In qualsiasi caso la certezza è che l’assassino (o gli assassini) ha sistemato la casa prima di andarsene, cercando di fare sparire ogni prova. La donna è stata infatti trovata sul divano e la scena non presentava segni di colluttazione. Il letto era perfettamente fatto (anche se l’omicidio risale all’1 di notte) e nessuno sembra aver rovistato in casa alla ricerca di denaro e preziosi.

Quanto al movente, la principale pista investigativa rimane quella economica con il testamento rivisto più volte dalla donna e la polizza vita entrata in vigore giusto due giorni prima del decesso. Nell’ulltima versione, secondo le indiscrezioni emerse, a spartirsi i beni sarebbero stati il nipote e un 37enne – dipendente di un vicino supermercato – che la aiutava nelle faccende quotidiane.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome