Contributi europei per pascoli inesistenti, la truffa si allarga

Nel mirino dei carabinieri sono finiti due imprenditori agricoli cremonesi ai quali sono stati sequestrati beni e immobili per un totale di quasi 2 milioni di euro

0
I carabinieri forestali
I carabinieri forestali

Ancora una volta la Valcamonica è al centro di una vicenda che sta destando scalpore.

Le indagini dei forestali del Gruppo di Brescia in collaborazione con i colleghi di Breno hanno fatto emergere un’ingente truffa ai danni dello Stato e dell’Europa perpetrata grazie alla cessione di alpeggi comunali a soggetti che presentavano certificazioni false e ottenendo poi contributi comunitari che non gli spettavano.

Nel mirino dei carabinieri sono finiti due imprenditori agricoli cremonesi ai quali sono stati sequestrati beni e immobili per un totale di quasi 2 milioni di euro. Nei guai sono però finite anche alcune persone responsabili di pascoli inesistenti.

La truffa è emersa al momento nel territorio di Cimbergo, ma i militari indagano anche a Paspardo.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome