Torbole Casaglia, tornano il Grest e il Cred (con coda polemica)

La Giunta Sisti - afferma un comunicato -  "ha decisamente cambiato rotta rispetto alla vecchia gestione dei cred"

0
Bambini, foto generica da Pixabay

A luglio a Torbole Casaglia tornano  per i bambini il grest e il cred (centro ricreativo estivo diurno). Dal 2017 con la giunta Sisti il cred comunale viene organizzato in collaborazione con le due parrocchie del paese.

Anche quest’anno i bambini a luglio potranno scegliere se partecipare al cred organizzato dalla parrocchia di Sant’Urbano o quello della parrocchia di San Filastrio.

Il primo organizzato per tre settimane stile campus linguistico: “UK calling” (Inghilterra), “Aqui llega la Espana!” (Spagna),”Flying in tha irish Sky” (Irlanda). I ragazzi saranno coinvolti con attività divertenti ed educative allo stesso momento, suonando e cantando brani in lingua, vedere film in versioni originali, cucinando piatti tipici e tanto altro. “Un modo per imparare divertendosi- commenta Eva Verzeletti assessore all’istruzione -“. Mentre Il secondo Cred, organizzato dalla Parrocchia di San Filastrio, propone ogni anno un percorso avventuroso: dallo Sherlock Holmes dell’anno passato, agli eroi dell’Olimpo di questa estate. Un’atmosfera sempre nuova per trascorrere la giornata giocando con gli amici.

“Una offerta completa e adatta a tutte le esigenze famigliari – commenta Eva Verzeletti -.  L’accoglienza a partire dalle ore 7.30 e l’orario prolungato fino alle 18.30. Naturalmente non mancano la mensa interna, sempre molto gradita a grandi e piccini e le gite.

Dal punto di vista sociale le parrocchie e gli oratori sono da sempre punto di riferimento per la nostra comunità. Luoghi sicuri, curati, in cui numerosi volontari si adoperano, sotto la direzione dei parroci per rendere la giornata dei nostri figli piacevole e perché possano relazionarsi senza tensioni, nel reciproco rispetto”.

La Giunta Sisti – afferma un comunicato stampa che polemizza con la precedente amministrazione –  “ha decisamente cambiato rotta rispetto alla vecchia gestione dei cred: la vecchia amministrazione spendeva oltre 19 mila euro di risorse comunali, a fronte di una retta di 260 euro a carico della famiglia, per un servizio dalle ore 8 alle ore 16. Ora il Comune spende 8 mila euro all’anno mentre le famiglie al massimo 200 euro, pasti e gite compresi. A questo va aggiunta un’ulteriore risorsa che nel 2018 è stata di 14,000 euro, al fine di favorire l’integrazione dei minori diversamente abili mettendo a disposizione fino a 120 ore di assistente personale con oneri a carico dell’Ente per gli alunni che abbiano usufruito del servizio durante l’anno scolastico, in modo da facilitare la loro frequenza ai grest e cred estivi”.

“Nel 2017 e 2018 oi bambini in età di scuola elementare che hanno frequentato sono stati oltre un centinaio – aggiunge il sindaco – compresi una trentina di ragazzi delle scuole medie, contro i 32 bambini che hanno frequentato nel 2016, tutti della scuola primaria. Sono certa che anche quest’anno grazie a queste interessanti offerte i nostri grest e cred avranno un successone”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome