Tentata strage di Coccaglio, il 59enne: volevo liberare la famiglia dai debiti

Nella serata di lunedì, l'agricoltore di 59 anni aveva cercato di uccidere a colpi di martello la moglie 51enne e la figlia di 22 anni

0
Sirene della Polizia locale, foto generica
Sirene della Polizia locale, foto generica

Sarebbe la disperazione legata alle condizioni economiche della famiglia la causa della tentata strage avvenuta lunedì notte a Coccaglio, dove un uomo di 59 anni ha cercato di uccidere a colpi di martello la moglie 51enne e la figlia di 22 anni.

A rivelarlo sarebbe stato, dal carcere, l’agricoltore a chi lo ha interrogato. Secondo la prima ricostruzione, l’uomo – che da pochi giorni era tornato dalle vacanze con le due donne – volveva uccidere moglie e figlia e poi dar fuoco alla casa: un gesto, pare, compiuto in preda all’angoscia e alla disperazione per i circa 100mila euro di debiti a cui la famiglia non risusciva a far fronte.

Per lui l’accusa è di tentato duplice omicidio. Per fortuna le due donne non sono in pericolo di vita.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome