La Lega sta coi lavoratori

    0

    La Lega Nord in Loggia interviene in merito al tema caldo in questi giorni riguardante l’andamento della multiutility A2A esprimendo massimo sostegno ai lavoratori bresciani di ASM. “Siamo stati gli unici, a Brescia, ad opporci alla fusione manifestando a suo tempo le nostre preoccupazioni per i livelli occupazionali; a distanza di pochi mesi, il tempo ci ha dato ragione…”annuncia Nicola Gallizioli capogruppo Lega Nord in Loggia.

    Condividiamo a pieno la scelta dei dipendenti bresciani di A2A di indire fin da subito una giornata di agitazione generale come risposta alla sciagurata riorganizzazione proposta dal Direttore Generale Renato Ravanelli.” afferma il capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale. “Non ricordo a mia memoria uno sciopero generale in ASM; l’evento è quindi di un importanza tale da far sì che nessuno possa far finta di non capire ciò che sta succedendo nella nuova società. Il disagio causato dalla riorganizzazione non è più limitato a qualche caso isolato, ma è ormai dilagato in tutti i dipendenti della multiutility, in ogni reparto e ad ogni livello gerarchico. Basta passare in via Lamarmora per respirare l’aria di demotivazione e preoccupazione che si sta diffondendo fra i dipendenti di A2A a Brescia.”

    La nuova A2A, così come pensata negli ultimi mesi, non solo mette in discussione il tradizionale bacino occupazionale della città ma svilisce le numerose professionalità che negli anni sono maturate all’interno dell’azienda. Professionalità che hanno portato l’azienda ad essere considerata, in alcuni settori, impresa modello; tanto da ricevere riconoscimenti a livello nazionale per alcuni servizi erogati alla nostra città (vedi teleriscaldamento). Troppa centralizzazione su Milano rischia di rovinare quel tessuto lavorativo e professionale, che garantiva alla società un risultato economico positivo e alla nostra città e al nostro territorio servizi di elevata qualità.”.

    Ma quale vantaggio porta ai dipendenti bresciani della nuova multiutility la riorganizzazione pensata dalla direzione corporate?”: si interroga il capogruppo della Lega Nord.

    Oggi è sempre più dimostrato che il patrimonio più importante di ogni società piccola o grossa che essa sia è senza dubbio l’insieme delle risorse umane e delle professionalità che a vari livelli operativi e dirigenziali compongono il tessuto societario. ”, afferma il capogruppo Nicola Gallizioli, “L’ASM di Brescia negli anni ha più volte dimostrato di avere risorse umane professionalmente capaci e innovatrici. Perché non si è dato e non si vuole dare fiducia ai dirigenti bresciani e ai loro collaboratori? Perché le Direzioni operative più importanti non si assegnano a dirigenti e team di lavoro di via Lamarmora? Questa affrettata e superficiale fusione, avversata in consiglio comunale solamente dalla Lega Nord, si sta rilevando una grande fregatura per i lavoratori, per l’indotto bresciana che negli anni ha lavorato con ASM, sempre più marginalizzato dai milanesi e per tutto il territorio bresciano.””

    Il capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale Nicola Gallizioli annuncia quindi che la Lega Nord si adopererà in tutte le sedi a difendere e a valorizzare il patrimonio umano bresciano in A2A: “Quello di cui necessità la città è una A2A che riconosca le professionalità umane dei suoi dipendenti, collochi le direzioni operative là dove queste garantiscono maggiore efficienza, dove sono nate e si sono sviluppate le eccellenze, risponda adeguatamente alle esigenze territoriali. Da ultimo garantisca al tempo stesso livelli occupazionali e di indotto superiori o almeno in linea con il trend degli anni passati “.

    In Fede

    Gallizioli Nicola

    Capogruppo Lega Nord consiglio comunale.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome