Respinto il ricorso

    0

    La fondazione "Brescia Solidale" non è una Onlus. Questo il responso della Commissione Tributaria provinciale di Milano, chiamata ad esprimersi dopo il ricorso presentato dal Comune di Brescia, detentore al 100% della fondazione. Un bel grattacapo. Viene da chiedersi: e pensarci prima? Ripercorriamo la vicenda: quando nacque l’associazione l’allora assessore ai Servizi Sociali Fabio Capra ritenne opportuno, per motivi fiscali, attribuire alla fondazione lo status di "Onlus". L’Agenzia delle entrate bocciò lo statuto in quanto le Onlus non possono per legge avere la predominante partecipazione di un ente pubblico, a maggior ragione la totalità della partecipazione (come invece accade per Brescia Solidale). Di qui il ricorso presentato dal comune ed ora la respinta del ricorso da parte della Commissione Tributaria. Risultato: la fondazione dovrà annualmente sborsare una quota aggiuntiva di tassazioni. Non solo: polemiche sono sorte e altre, c’è da scommetterci, ne sorgeranno. L’assessore ai Servizi sociali Giorgio Maione, ai tempi della nascita della fondazione all’opposizione, sembra voler dire "l’avevo detto io… avevo detto di chiedere il parere preventivo all’Agenzia delle entrate", e se la prende con Fabio Capra; Capra risponde che sì, è vero che ora si dovranno pagare circa 100 mila euro di tasse dovute per la diversa fiscalità applicata, ma comunque la fondazione fa risparmiare 600 euro all’anno al comune, e al di là della recente pronunciazione della Commissione la fondazione presieduta da Adele Ferrari funziona bene. Non rimangono fuori dalla questione i sindacati; Luciano Pedrazzani della Funzione Pubblica Cgil ricorda che tempo fa propose la costituzione di un’azienda pubblica che gestisse per intero il ramo sociale del Comune di Brescia, ma la proposta venne bocciata. Ora Pedrazzani teme che Brescia Sociale perda la pubblicità della governance e passi in mani private, inoltre le ripercussioni su chi usufruisce dei servizi della fondazione e sugli stessi lavoratori sono dietro l’angolo.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome