Piano sosta approvato

0
Palazzo Loggia
Palazzo Loggia, sede del Comune di Brescia

Con il voto favorevole di Pdl, Lega e Udc e il no espresso da , Lista Castelletti e Arcobaleno (astenuto Francesco Patitucci dell’Idv) è stato approvato ieri in Consiglio Comunale il Piano Sosta che apporterà significativi cambiamenti nel centro storico.
Forti le critiche espresse dall’opposizione per il piano approvato, che secondo Emilio Del Bono avrà come risultato quello di penalizzare i residenti del centro, riempire le piazze di automobili e smantellare le corsie preferenziali (come già è stato fatto). Il tutto a favore dei soli commercianti. La maggioranza non pensa minimamente a smentire l’attenzione particolare rivolta al mondo del commercio, l’assessore Nicola Orto va però oltre e ricorda gli interventi mirati a sostenere il trasporto pubblico, a partire dal biglietto unico per i giorni festivi, alle corse allungate sino alle 5 di mattina, all’ampliamento del servizio Bicimia.
Tra le novità licenziate lo sconto del 50% del costo per il parcheggio ai residenti del centro storico (che avranno 151 parcheggi riservati in più rispetto ad ora, delimitati da strisce gialle e non blu), parcheggi “di cortesia” ad uso esclusivo di donne e anziani, meno parcometri e più disco orario (ad esempio all’obitorio del Civile).
Si attende ora la prova dei fatti.
a.c.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Approvo la posizione di Patitucci dell’IDV che si è astenuto nel voto Consiliare.La Maggioranza ha piena facoltà di mettere in campo quel progetto,cavallo di battaglia elettorale.Progetto che,personalmente, non mi attrae per niente. Vedremo come andrà a finire.Di una cosa sono sicuro: i commercianti rimarranno delusi nel loro disegno di impadronirsi della Città.

  2. La cosa che non riesco a spiegarmi è come facciano i negozianti di Bergamo, Cremona, Mantova ecc. a sopravvivere nei rispettivi centri storici senza il traffico veicolare che sembra così indispensabile per la sopravvivenza del commercio.
    Io dal canto mio preferisco andara a far spese a Mantova: il centro storico è più tranquillo e vivibile.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome