Lega: forza inarrestabile

    0

    Molgora conquista al primo turno (non era mai successo in Broletto) la poltrona di presidente della provincia con il 55.5% delle preferenze e la Lega Nord si attesta al 26.44%, appena sotto l’alleato Pdl, primo partito con il 27.0%.
    Giornata memorabile per il Carroccio bresciano che porta alla presidenza un uomo che ha già seduto sulle poltrone del
    Consiglio comunale in Loggia e di quello provinciale in Palazzo Broletto prima di essere eletto a Roma e diventare
    sottosegretario all’Economia, carica che ha tutt’ora e non ha intenzione di abbandonare anche se mette la decisione nella
    mani di Bossi e Tremonti. Subito Molgora risponde alle domande che i giornalisti gli rivolgono a questo proposito, riguardo anche alla accuse mosse dall’opposizione in campagna elettorale. Su Bresciaoggi in edicola si legge: «Quello è stato un attacco strumentale, direi quasi personale. L’attacco di chi ignora che il presidente della Provincia non è il sindaco: fintanto che non c’è il federalismo, non quello fiscale ma quello istituzionale, intendo, svolge compiti di coordinamento e di indirizzo politico. In questo senso, il tempo passato a Roma non sarà tempo perso, ma avrà ricadute positive sull’amministrazione locale. Penso a partite come il patto di stabilità, che ricade sui bilanci anche delle province».
    In Consiglio 11 posti alla Lega Nord, 11 al Pdl, 9 al Partito Democratico e 3 all’Udc.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome