Badante assunta “d’ufficio”

    0

    Il datore di lavoro, una signora in pensione, non può permettersi la regolarizzazione della badante e la licenzia. La badante, rivoltasi all’Ufficio Vertenze Sindacali in Cgil, denuncia la questione al tribunale del lavoro e il giudice da ragione alla dipendente che deve essere ri-assunta e regolarizzata entro la fine di settembre.

    La badante salvadoregna di stanza a Brescia con il suo gesto crea il primo precedente a livello nazionale: mai nessuna collaboratrice finora aveva avuto l’intraprendenza (legittima) di reclamare i propri diritti ad un sindacato. La questione però è alquanto spinosa, come potranno infatti i pensionati che percepiscono sette o ottocento al mese pagare una badante che ne costa milleseicento? L’obbligo di regolarizzazione non sussite per le colf i cui datori di lavoro percepiscono meno di 20mila euro l’anno, ma questo tetto non c’è se la collaboratrice è una badante.
    a.c.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome