Un convoglio di gpl che ha messo ansia

    0

    Fermo per un giorno e mezzo senza che nessuno a Brescia sapesse nulla. Una volta appresa la notizia la preoccupazione ha cominciato a salire fino a che, intorno alla mezzanotte di ieri, il convoglio è ripartito.

    La segnalazione della presenza "anomala" del carico di gpl fermo in città (nelle vicinanze di via Orzinuovi) è arrivata dalla Polfer di Milano. 15 vagoni-cisterna contenenti liquido altamente infiammabile, lo stesso che ha provocato la strage a Viareggio che lo scorso 29 giugno è costata la vita a 32 persone. E\’ ovvio che la segnalazione ha destato parecchia preoccupazione: alle 20 è stato convocato in tutta urgenza un tavolo presso la Prefettura, indaffarata a delineare i contorni della vicenda. Poco dopo sono state messe a punto le misure precauzionali necessarie: stacco della corrente elettrica dai convogli, obbligo di rallentamento fino alla velocità di 30 km/h per i treni in transito, controllo di eventuali fuoriuscite di liquido. Il treno è rimasto fermo a Brescia per un giorno e mezzo a causa di un guasto alla motrice, senza che nessuno si sia preoccupato di avvisare.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome