Evasione fiscale di 19 milioni in due anni. Nei guai un’impresa di Rovato

0

(a.c.) Se tutti pagano le tasse, le tasse ripagano tutti. Questo uno degli spot-tormentone del Governo per far capire agli italiani che pagare le tasse non è un optional, e spiegare che i versati ritornano ai cittadini in servizi. Di certo con i 19 milioni non versati dalla Cogedil di Rovato all’erario, di servizi ne sarebbero stati erogati molti.

Dietro all’incredibile cifra di evasione scoperta dalla Guardia di Finanza di Chiari, guidata dal capitano Andrea Lonfaloni e dal luogotenente Antonio Rimano, ci stanno solo un paio di anni di mancato versamento contributivo per il lavoro di circa 350 cottimisti assunti senza alcun tipo di contratto. Non solo: l’impresa, guidata da un meridionale, P.C. 74enne di , un sardo, S.M., 52enne di Sassari, e da un 32enne di Calcinate, O.G., non avrebbe mai presentato alcuna dichiarazione dei redditi, né avrebbe mai versato un euro di iva. Ma non è finita: in edicola stamane racconta che uno dei tre soci della ditta che lavorava spesso nei cantieri di costruzione di case popolari ed edilizia commerciale, avrebbe inscenato il furto della propria auto a bordo della quale ci sarebbero stati i libri contabili. Furto, ovviamente, falso.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome