Due degli 8 nuovi treni trasferiti altrove. In cambio mezzi degli anni ’70

0

(a.c.) Sono entrati a pieno servizio solo a settembre 2011. 8 nuovissimi, arrivati dalla Svizzera, di marca Stadler. Costo complessivo: 25 milioni di euro, di cui 3 versati dalla Provincia di Brescia e 22 da . Avrebbero dovuto dare una spinta decisiva al trasporto passeggeri su rotaia lungo la Brescia-Iseo-Edolo. Peccato che dopo un avvio promettente, con un aumento dei biglietti staccati, nei giorni scorsi due degli 8 nuovi convogli siano stati trasferiti sulla linea Milano-Molteno-Lecco. Una decisione della Regione? Perché?

L’interrogativo lo pone Dario Balotta, presidente di Legambiente Basso Sebino, la cui lettera indirizzata all’assessore provinciale ai Trasporti Corrado Ghirardelli è riportata su Bresciaoggi in edicola stamane. Balotta si chiede se la provincia abbia avallato la decisione, e per quale motivo. I due convogli trasferiti, che presto potrebbero addirittura diventare quattro, pare, sono stati sostituiti da locomotori degli anni ’70 in procinto di essere pensionati. Mezzi vecchi di quarant’anni, obsoleti, rumorosi e privi di ogni comfort. Non i mezzi ideali insomma per rilanciare la Brescia-Iseo-Edolo.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome