Trasporto pubblico, via libera alla gara unica tra Comune e Provincia

0

Comune e Provincia hanno presentato nei giorni scorsi ai Segretari di Cgil Cisl e delle rispettive categorie , la «Convenzione per la gara pubblica di affidamento a un unico gestore del trasporto pubblico locale».

IL GIUDIZIO DELLA CISL
“La nostra valutazione – hanno detto al termine dell’incontro Enzo Torri e Mauro Scalvini, Segretario generale della Cisl e della Fit Cisl di Brescia – è sostanzialmente positiva. La gara unica è la soluzione che avevamo auspicato e che da garanzie di programmazione e di controllo per la massima efficienza del sistema. Abbiamo chiesto però informazione e coinvolgimento su tutti i passaggi del processo attuativo della Convenzione perché non vogliamo che si perdano posti di e tutele per i lavoratori”.

ROLFI E GHIRARDELLI COSTRETTI A COLLABORARE
La convenzione, che il Consiglio provinciale sarà chiamato a deliberare lunedì 27 febbraio, segna la fine di mesi di scontro su titolarità e competenze tra gli assessori ai trasporti di Loggia (Rolfi) e Broletto (Ghirardelli), imposto loro dall’accordo tra i rispettivi partiti, Lega e Pdl, sancito da un incontro tra Sindaco e Presidente della Provincia.

I CONTENUTI CELLA CONVENZIONE
Gomito a gomito, Ghirardelli e Rolfi hanno illustrato oggi pomeriggio contenuti e iter del provvedimento che porterà alla gara per l´affidamento a un unico gestore di tutto ciò che riguarda la mobilità in città e provincia: autobus, pullman, parcheggi, semafori, car e bike sharing. L’obiettivo è quello della razionalizzazione del servizio e della sua armonizzazione con l’entrata in funzione a fine anno della metropolitana cittadina, compito che la convenzione assegna ad un Tavolo di governo della mobilità (Tgm) che sarà composto da Presidente della Provincia, assessore ai trasporti e due tecnici per il Broletto, Sindaco, capo area e dirigente del settore mobilità per la Loggia.

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E METROPOLITANA
L’importanza della gara unica e dell’intesa tra Comune e Provincia è anche legata alla necessità di mettere il sistema del trasporto pubblico in dialogo con la gestione della metropolitana che per i primi sette anni sarà gestita direttamente dalla società mista Metrò Brescia, composta al 51% dal Comune e al 49 dall´Ati, il consorzio costruttore.La Convenzione prevede una verifica della gestione del metrò dopo due anni e mezzo dall´attivazione del primo gennaio 2013.

IL VOTO DEI CONSIGLI PROVINCIALE E COMUNALE
Dopo il via libera del Consiglio provinciale di lunedì, la Convenzione passerà all’esame della Commissione trasporti del Comune di Brescia e poi al voto del Consiglio Comunale del 5 marzo.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome