Le tv locali rischiano di essere dimezzate. Tutta colpa del passaggio al digitale

0

Il passaggio al digitale rischia di far chiudere la metà delle emittenti locali, a Brescia come nel resto della nostra Penisola. Sono 600 in Italia le televisioni locali l’associazione che le riunisce, Aeranti Corallo, ha lanciato l’allarme. Il passaggio all’era digitale sta mettendo a rischio il pluralismo e la libertà d’impresa del settore televisivo. Da parte sua il Ministero dello Sviluppo Economico ha cercato, attraverso strategici decreti, di tutelare il futuro delle emittenti televisive locali. Lo ha fatto con l’emendato decreto delle frequenze della banda 800 mhz e sta pensando di farlo anche nei prossimi bandi regionali per l’assegnazione delle frequenze. Per rassicurare il panorama televisivo locale il sottosegretario allo Sviluppo Economico Massimo Vari, subentrato al bresciano Stefano Saglia, ha promesso di garantire la pluralità dell’informazione. Poco convinte le emittenti locali che temono di dover spegnare le telecamere. Solo nel bresciano ne esistono diverse, da a Brescia Punto Tv, ma anche Rtb, Radio Super Tv, Tele Color, Tele Boario, TelePontediLegno e perderle sarebbe un vero peccato.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome