“Scatola Rosa” in dono a 200 automobiliste bresciane

0

(a.c.) Una sorta di scatola nera declinata al femminile, e per questo chiamata "scatola rosa". La Commissione comunale per le pari opportunità, l’Assessorato alla sicurezza e al traffico e la Fondazione Ania, che si occupa di sicurezza stradale, hanno messo in atto una sinergia ed hanno donato a 200 automobiliste bresciane il dispositivo, che verrà gratuitamente montato sulle macchine per un periodo di 3 anni.

Ieri la presidente del Simona Bordonali ha dettagliato il progetto, che coinvolgerà inizialmente il personale femminile di tre strutture ospedaliere cittadine, il Civile (80 scatole rosa), la Città di Brescia e la Polimabulanza (con 60 scatole rosa ciascuno), medici ed infermiere che lavorano su turni notturni. Il dispositivo che verrà installato sulle loro autovetture è in grado di segnalare ad una centrale operativa se l’automobile sarà coinvolta in un incidente stradale, oppure la conducente tramite n telecomando, ovviamente rosa, potrà contattare la stessa centrale in caso di pericolo (tentativi di furto, di aggressione, minacce etc.) oppure ancora in caso di guasto meccanico in orario "pericoloso". I dispositivi funzioneranno 24 ore su 24. 

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Paroli, che non esculde che il progetto possa in futuro essere esteso.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome