Simula una rapina nella sala slot dove lavora per ripagarsi i debiti di gioco

0

Ha preso a testate il muro della sala slot dove lavorava come dipendente per poi inscenare una finta rapina ai danni dell’esercizio commerciale, consegnare il denaro trafugato ad un’amica della sua fidanzata denunciare il furto alle autorità. Nell’inscenare la finta truffa l’uomo pensava di aver disattivato le telecamere di sorveglianza posizionate all’interno del locale, ma in realtà aveva solo spento il video. Ai carabinieri, intervenuti sul posto, aveva raccontato di essere stato aggredito da un uomo armato di coltello. Tutto inventato. Il 39 enne sperava di derubare la sala slot per ripagare alcuni debiti di gioco, ma ai carabinieri è bastato visionare le registrazioni delle telecamere interne per accorgersi che non c’era stata nessuna rapina e che l’unico colpevole del furto era proprio l’uomo che aveva sporto denuncia.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome