Sepolto nella tomba di famiglia? A Urago ci vuole il permesso del morto

0

Caso davvero curioso a Urago d’Oglio. La vicenda, segnalata da Bresciaoggi, prende le mosse dalla morte di Alessandro Pagani, avvenuta lo scorso 26 aprile, che ha costretto la moglie Annunciata ad affrontare un vero e proprio Calvario burocratico. La sepoltura sarebbe dovuta avvenire nella tomba di famiglia, dove si trovano anche le salme dei genitori dell’uomo, ma il Comune ha negato il via libera perché la tomba risulta intestata al fratello, morto anni prima, e il regolamento cimiteriale vieta cessioni di posti nella tomba di famiglia. Insomma: il morto avrebbe dovuto firmare una delega. Risultato? La famiglia ha dovuto acquistare un nuovo loculo per Alessandro, spendendo 1.300. La donna ha annunciato l’intenzione di chiedere il rimborso della somma e di poter spostare il marito, a sue spese, nella tomba di famiglia.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. SE NON E’ ESPRESSA NESSUNA VOLONTA’ IN QUESTO CASO E’ VOLONTA’ DEI SOPRAVISSUTI FAMILIARI ESPRIMERE LA DECISIONE

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome