Psicofarmaci come caramelle. Allarme tra gli adolescenti bresciani, sempre più infelici

0

Dopo alcol e cannabis ci sono gli psicofarmaci. Il podio dell’utilizzo delle sostanze psicoattive tra i giovani bresciani e i numeri emersi da un’indagine promossa dal Comune e realizzata dalla cooperativa Il Calabrone rivela numeri allarmanti. Un ragazzo su dieci ha utilizzato almeno una volta tranquillanti e sedativi (10,7% ragazze, 7,5% ragazzi). Il 64% delle femmine e il 44% dei maschi ha dichiarato di aver avvertito stress negli ultimi tempi, ma il dato più inquietante è quello riguardante sentimenti di infelicità e depressione, avvertiti dal 37% delle giovani e dal 22% dei giovani.

La ricerca ha coinvolto 906 studenti degli istituti superiori della città tra i 17 e i 18 anni.

Nella maggior parte dei casi (50%) i farmaci vengono forniti dai genitori. Le ricette del medico sono solo al 30% e c’è un considerevole 22% che attinge dall’armadietto di casa senza dire niente a nessuno.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome