E’ morta per annegamento la donna di Chiari ripescata nelle acque di Desenzano

0

(a.c.) Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza, e l’autopsia eseguita martedì ha riscontrato che nei polmoni c’è acqua, segno evidente che la donna sia morta per annegamento. Questo non risolve del tutto i contorni della morte di Giovanna Locatelli, la 48enne ripescata nelle acque antistanti il lungolago Battisti di Desenzano, ma perlomeno aiutano a scacciare i dubbi circa una fine violenta.

La donna, originaria di Chiari, si era trasferita a Desenzano per rifarsi una vita dopo la separazione dal marito, commerciante ambulante nella cittadina della Bassa. Proprio al marito è toccato il riconoscimento ufficiale della salma, rimasta per dieci giorni in acqua.

Nei prossimi giorni saranno noti anche i risultati degli esami tossicologici. Nemmeno da quelli, probabilmente, si saprà se l’annegamento è stato una una disgrazia o un gesto volontario. 

https://www.bsnews.it/notizia.php?id=19779

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome