Ambulanti sul piede di guerra contro i mercatini di contadini e rigattieri. Confesercenti: “Regole uguali per tutti”

0

Contadini e hobbisty farebbero una concorrenza sleale agli ambulanti iscritti nelle associazioni di categoria, avendo meno obblighi amministrativi e contabili, regole igienico sanitarie più elastiche, mano libera da parte dei Comuni per le autorizzazioni. Questa la posizione di Confesercenti: "Si tratta di una competizione ineguale e per evitarla c’è bisogno di regole uguali per tutti", dice Alessio Merigo, direttore, al Corriere. E continua "Conosco commercianti che hanno impiegato anni per ottenere l’autorizzazione a un posto fisso. Ora, non capisco perché le amministrazioni incentivino i mercati di prodotti a chilometro zero e li istituiscano da un giorno con l’altro". Il commercio su aree pubbliche nel bresciano conta 3.405 aziende e occupa più di 8 mila persone. Con la crisi, però, minori sono le vendite e maggiori le cessazioni delle attività. "I Comuni – rileva Merigo – non dovrebbero sottovalutare la concorrenza sleale degli "altri" mercati». Tra questi rientrano anche gli hobbisti, i rigattieri e i contadini. Confesercenti chiede «regole uguali per tutti» e maggiori controlli dell’amministrazione. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome