Pienone in piazza Loggia, ma niente record di chitarre

0

(a.c.) Piazza gremita, ma niente record: si fermano a quota 300 i chitarristi che hanno suonato contemporaneamente in piazza Loggia. Quota mille era lontanissima, ma l’allegria e la felicità di suonare e cantare non ne hanno risentito.

Gli appuntamenti di ieri nei dintorni di piazza Loggia erano addirittura tre: la visita del cupolone del palazzo comunale (davvero suggestivo entrare nel tetto in piombo sostenuto da assi di legno), il festival dedicato al Giappone, allestito nel chiostro del Museo Diocesano, e infine il flash-mob chitarristico in piazza. 

Isaia Mori ed Antonio D’Alessandro, con la collaborazione di Radio Number One e il sostegno di Comune, Palcogiovani e Fondazione Asm ci hanno riprovato dopo la sfortunata domenica di pioggia del 17 marzo. I chitarristi hanno iniziato a registrarsi (era necessario per certificare l’eventuale record) intorno alle 15:30 ed a scaldare le dita con gli accordi di fiducia. Poi, una volta terminate le registrazioni, sono state tre le canzoni suonate (quasi) all’unisono dai 300 chitarristi: si è partiti con Battisti, ovviamente, e la sua «canzone del sole», per passare poi a Rino Gaetano con «Gianna», e infine un’incursione rock con «La bamba» di Ritchie Valens. Ragazzini alle prime armi, giovani rocker dall’aria navigata o professionisti dagli accordi impeccabili: alla fine tutti si sono divertiti, anche le centinaia di persone senza chitarra che hanno potuto almeno cantare. Il record? Sarà per la prossima volta.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome