La Sanitars Metalleghe sfiora il colpaccio e strappa un punto alla Ornavasso

0

Mazzano, a 34 punti, scivola in nona posizione e fuori dalla zona play off ma i giochi, in vista del derby contro Montichiari, sono ancora apertissimi. Nel primo set Salvi è efficace sia in attacco che a muro, ed è subito 3-0 per Ornavasso. Serena e Koleva, allora, si rimboccano le maniche e accorciano le distanze.  È 8-7 per le piemontesi, che poi allungano grazie agli errori al servizio di Mazzano e alle azioni offensive di Moneta e Loda. Ornavasso scappa sul 15-10, poi sul 20-15 e, infine, sul 25-20. All’inizio del secondo set , invece, è la Sanitars Metalleghe a comandare. Precise in ogni fondamentale, le bresciane sono davvero pericolosissime, e al primo stop tecnico è 8-6. Le giallonere, però, sono un osso duro e con grinta recuperano (9-9): con Ceron e Martini sottorete, però, sono ancora le padrone di casa ad imporsi. È 15-12, poi 21-19: qui un fallo di posizione e un muro di Minati rimettono di nuovo tutto in discussione, ma il trio Ceron-Serena-Koleva trascina la Sanitars Metalleghe sul 25-22 finale. Nel terzo set si gioca sul filo dell’equilibrio fino al 4-4, poi Ornavasso, con Loda e Minati davvero incisive sottorete, prende di nuovo il largo ed è 10-7, poi 16-10 e, infine, 25-19. Nel quarto set è 10-10, poi Mazzano si fa disattento nella copertura a muro e le Api ne approfittano per scappare sul +2. Le bresciane, però, non demordono e recuperano i punti perduti: è 16-16, poi Serena e Koleva fanno magie e sono le padrone di casa a portarsi avanti. È 21-18, poi 25-22. Si va al tie break, dove si lotta punto a punto fino al 17-17, poi un attacco di Loda e una doppia segnata a Vingaretti segnano l’allungano piemontese.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome