Rolfi e Caparini: preoccupati dal radicamento dell’estremismo islamico sul nostro territorio

5

Gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato questa mattina un marocchino di 21 anni, residente a Vobarno, accusato di addestramento con finalità di terrorismo internazionale e di incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi. Sull’esito dell’operazione sono intervenuti il segretario provinciale della Lega Nord di Brescia Fabio Rolfi e il responsabile della comunicazione del Carroccio Davide Caparini.

“Questo arresto è l’ennesima dimostrazione di come l’estremismo islamico sia ormai radicato sul nostro territorio e rappresenti una minaccia concreta. – ha dichiarato Rolfi – Il radicalismo è diffuso anche tra i giovani immigrati nati o cresciuti nel nostro Paese e apparentemente occidentalizzati, e credo che questo sia l’aspetto più preoccupante. Sottovalutare fenomeni di questo genere potrebbe causare ripercussioni disastrose per la nostra sicurezza e il nostro futuro”.

"Mentre la politica sottovaluta fenomeni di questo genere che potrebbero causare ripercussioni disastrose per la nostra sicurezza e il nostro futuro, nonostante la scarsità di risorse – sostiene Caparini – ringraziamo la Questura di Brescia che ha ottenuto un altro eccellente risultato. Il timore è che il loro lavoro sarà a breve ridimensionato e avvilito dai prossimi provvedimenti del governo Letta in tema di immigrazione, sicurezza e giustizia”.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

5 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome