Nominati dal sindaco sei nuovi dirigenti. Si risparmieranno 700 mila euro

0

Dopo aver vagliato i 101 corricula presentati dai candidati per 6 posizioni a tempo determinato all’interno del Comune di Brescia, il sindaco Del Bono – come annunciato dal Corsera di Brescia – ha scelto i soggetti ritenuti idonei a ricoprire gli incarichi dirigenziali ancora vacanti.

Le previsioni della vigilia sono state sostanzialmente confermate. A capo della Polizia Locale è stato riconfermato Roberto Novelli, mentre Claudio Reboni è stato nominato a capo del settore risorse umane, Massimo Azzini sarà ancora il capo dell’area Servizi Tecnici e Alessandro Baronchelli si occuperò del settore strade. Il sindaco ha poi affidato a Daria Rossi l’incarico di collaboratore specialistica del settore Ambiente, cave e protezione civile, mentre Alberto Berardelli collaborerà per il settore Casa e housing sociale. Ancora da sciogliere invece il nome da mettere a capo dell’Edilizia sociale e scolastica, ma con grande probabilità il nome sarà ancora quello di Azzini.

La nuova organizzazione della macchina comunale ha portato al taglio di 10 posizioni dirigenziali a tempo determinato, scese da 16 alle attuali 6. Il taglio è stato imposto dalla normativa e farà risparmiare alle casse della Loggia ben 700 mila euro, che diventeranno 3,4 milioni nel 2015 quando il sistema entrerà a regime.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Possibile che su 101 candidati non ce ne fosse uno, dico uno, migliore dei 6 PREscelti, che già erano stati dirigenti in Comune? Sa tanto di presa per i fondelli degli altri 65

  2. Qualche altro taglio, per scelta non perché obbligati da Monti, non si poteva fare? Il carrozzone pubblico continua a imbarcare tutti!

  3. Aspettiamo però di sapere come si risolverà il caso Triboldi, incompatibile (Decreto Monti del marzo 2012) come Direttore Generale e contestualmente Amministratore di Brescia Infrastrutture: si configura il danno erariale cioè centinaia di milioni di euro sanzionabili dalla Corte dei Conti. Questi sono errori che non si possono e non si devono commettere…

  4. Giusto, ma allora avrebbero dovuto fare un bando solo fra gli interni, senza prendere per i fondelli gli altri. Inoltre, secondo il tuo ragionamento la scelta sarebbe ricaduta su interni solo per risparmiare. Se fossi uno dei prescelti non ne sarei lusingato. E poi chi lo sa, magari fra gli esterni poteva esserci almeno uno su cui valeva la pena puntare per migliorare le cose, no?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome