Segreteria Pd, ballottaggio tra Bisinella e Orlando: 50 voti di differenza

0

1.612 voti per Michele Orlando, 1.562 per . E’ risibile il distacco tra i due candidati alla segreteria provinciale del Partito Democratico, che si sfideranno ora per ottenere il consenso dei delegati nell’assemblea provinciale.

La percentuale di voti ottenuta dai due candidati è stata praticamente la stessa, 34,08%. Staccato di poco, pochissimo, il terzo classificato Antonio Vivenzi che ha preso 1.409 voti, il 30,74%, un successo forse insperato che lo porta ad essere il vero ago della bilancia nell’assemblea del prossimo 9 novembre, quando gli eletti saranno chiamati a scegliere tra Orlando e Bisinella. Saranno 32 i delegati di Vivenzi che dovranno decidere a chi dare il voto tra i due candidati, che vantano rispettivamente 36 (Orlando) e 35 (Bisinella) delegati. 

L’exploit di Vivenzi, sindaco di Paderno Franciacorta, si è concretizzato a partire dalla Bassa Occidentale (52,43%) e dall’Ovest Bresciano (42,38%). Per Bisinella, sindaco di Leno, il grosso dei voti è arrivato dalla città (42,14%) e soprattutto dalla Bassa (Centrale 66,35%, Orientale 45,83%). Orlando, primo cittadino di Roncadelle, appoggiato dai parlamentari Corsini, Cominelli, Berlinghieri e Galperti, buono il risultato in Valle Camonica (52,23%) e nella circoscrizione Brescia Est (49,05%).
(a.c.)

 

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. mi sembra di essere tornata a indietro… e vedere le lotte interne delle correnti della DC. cambiano i tempi ma nessuno si preoccupa dei veri problemi del paese …. solo e solo battaglie x le poltrone ed intanto a Manerbio una altra azienda chiude !!!

  2. Quando si dice la forza della nomenklatura, vincono il segretario uscene che non ha fatto nulla in 5 anni s enon accaparrarsi il merito delle vittorie elettorali e sbolognare le sconfitte e l’uomo del partito, quel sindaco Orlando, stipendiato dal PD, uomo forte del CIPEC, ua la nomenclatura ha scatenato i tesserati, i capi popolo si sono attaccati al telefono e via. Se ilPD non si rinnoverà diventerà un partituncolo perfetto per fare opposizione e mai per governare. Che pena

  3. All’iscritto sfiduciato dico che i giudizi che ha dato su Orlando e Bisinella sono ingenerosi.
    Lei è evidentemente un iscritto che ha votato Vivenzi e io rispetto il suo voto, ci manmcherebbe.
    Ma troppo comodo sparare a zero sugli altri quando si prendono le batoste. E per Vivenzi questa è la seconda in sei mesi.
    I depositari della verità assoluta non esistono!

    Ho partecipato a uno dei confronti tra i tre candidati in giro per la Provincia e appena uscito mi sono chiesto se Vivenzi si stesse candidando a guidare il PD bresciano o qualche altro partito. Vorrei ricordargli che i 4 anni di segreteria Bisinella sono stati 4 anni con Frati vicesegretario e gli attuali renziani dentro la segreteria. Adesso non possono sparare a zero su questa esperienza ergendosi a censori e depositari della verità.
    Chiaro?

  4. Nessuna persona che milita in un partito è da considerarsi "vergine" ed io sarò forse stato ingeneroso, ma di certo il nostro partito, con l’attuale classe dirigente, è riuscito a perdere 3 milioni di voti, gli iscritti al PD a Brescia sono diminuiti di oltre il 50% e a livello nazionale siamo il 30% di quelli di un anno fa. Il nostro partito sulle questioni chiave non riesce mai a esprimere un’opinione propria e unitaria. Il nostro partito ha sì governato con senso di responsabilità, ma approvando leggi e provvedimenti che hanno colpito sempre e soltanto le classi più povere, vedi ad esempio la riforma Fornero, o l’eliminazione dell’IMU su ricatto di Brunetta e così via. Io non mi ritengo depositario della verità, ma credo di avere il diritto di chiedere al mio partito che chi ha fallito e ci ha trascinati in questo incubo si faccia da parte ed eviti di occupare tutti gli spazi decisionali per salvare la propria poltrona.

  5. ha dimenticato di citare il buco nell’ozono e la fame nel mondo, altre disgrazie di cui potrebbe incolpare Bisinella… un po’ più di realismo e un po’ meno senso del ridicolo, per cortesia. e se vuole rivolgersi a "chi ha fallito" nel PD, missà che deve parlare proprio con Antonio Vivenzi, allegramente trombato per la seconda volta in 6 mesi.

  6. Direi proprio complimenti per il sistema elettorale … Tre candidati; 30% ciascuno: 32, 36 e 35 delegati … speriamo che le idee per il sistema elettorale nazionale siano un po’ migliori …

  7. a me pare che il dato politico post voto sia uno. il segretario provinciale uscente non ha ricevuto il voto del 66% dei suoi iscritti. Punto. A Orlando e Vivenzi spetta il compito di fare qualcosa per non lasciare il PD in balia della situazione.

  8. Orlando o Bisinella, chi entrerà in Parlamento la prossima volta ? Sì, perchè è questo l’oggetto vero del contendere. Tutto il resto è noia, cantava Califano…

  9. Al signor Iscritto sfiduciatoo replico che dovrebbe aggiornare i dati sui tesserati. NON è assolutamente vero che a Brescia i tesserati si sono dimezzati rispetto all’anno scorso. NON è assolutamente vero che gli iscritti a livello nazionale sono il 30% di un anno fa. Certo è che se si fanno le convention senza mai citare il partito per cui ci si candida e senza mai dire che modello di partito si ha in mente è un pò dura poi lamentarsi del calo degli iscritti. Che ne dice?

  10. Colgo la sua battuta maligna rispondendole che Orlando ha dichiarato esplicitamente, unico dei tre, che rimarrebbe a afre il segretariop provinciale per i 4 anni di mandato senza usare l’incarico come trampolino di lancio.

  11. Che GODURIA!!! T "figli del (glorioso…)PCI" che si scannano per cosa???Ma per servire i democristiani (ex???).Poveri compagni!!!Morirete democristiani. Anzi , siete già morti…RIDICOLI e PATETICI: Siete il NULLA!!!

  12. A Orlando e a Vivenzi (preferenziato dal 35% degli iscritti il primo nonostante la corazzata dei parlamentari e l’apparato baffuto e canuto a suo favore, dal 31% il secondo nonostante a spingerlo ci fosse l’onda renziana che fa vincere tutti tranne – evidentemente – i perdenti di professione), secondo la sua esortazione, non resterebbe altro da fare se non creare una sorta di Frankestein, formato per metà da chi invoca il rinnovamento e per metà da chi è un fedele soldatino della Russia bolscevica…. Ma per favore.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome