Indossa felpa del Verona in palestra, capo degli Ultras bresciani lo prende a pugni

44

Due pugni che lo hanno fatto finire in ospedale con 7 giorni di prognosi. La sua colpa? Quella di aver indossato una felpa gialla e blu con su scritto Verona. A non accttare che un bresciano indossasse quei colori è stato il capo storico degli ultras bresciani, Diego Piccinelli che è stato denunciato per lesioni da  un personal trainer di una palestra cittadina. Come riporta il Giornale di Brescia Piccinelli lo ha colpito e steso con due pugni al volto, domenica scorsa, dicendogli che "Con quella felpa non puoi girare nella mia città". Ora Piccinelli è nei guai perché  oltre alla denuncia il gesto violento potrebbe costargli il divieto di accedere a qualsiasi manifestazione. L’ipotesi è al vaglio della Digos. 

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

44 Commenti

  1. Per essere il capo storico degli ultras bresciani, è proprio una personcina a modo, davvero sensibile e riflessivo. Si conferma la necessità, in tutta Italia, di ripensare la gestione delle cosiddette tifoserie organizzate (anche da parte delle società sportive calcistiche) perchè se sono guidate da persone violente, la violenza se la portano sempre al seguito, in casa come in trasferta.

  2. per combattere questo genere di violenza ci vorrebbero i metodi di Arancia meccanica: fargli vedere felpe di verona, bergamo e altre ovunque!

  3. Basta con questi ultras che vengono nelle nostre palestre, stuprano le nostre mogli e rubano i nostri bambini. Padroni a casa nostra.
    (per le cime che non l’avessero capito… è un commento ironico, fosse stato uno straniero avreste riempito la bacheca con frasi simili, ma questa è la dimostrazione che 9la violenza non segue la categoria della provenienza geografica, ma quella della stupidità umana

  4. La gente prima di commentare dovrebbe conoscere i fatti e sentire anche l’altra versione, non credere solo alle veline della questura; poi sarebbe il caso di riflettere su quanto siano giusti provvedimenti come i Daspo (le diffide) che possono essere applicati arbitrariamente solo su decisione della polizia e che vengono usati anche per tenere lontani dagli stadi persone "fastidiose", come in questo caso, che hanno fatto battaglie perché si affermasse la verità sul pestaggio nei confronti di Paolo Scaroni, contro gli abusi in divisa e contro il sistema del calcio-business. Da parte mia solidarietà a Diego e indignazione per questa montatura.

  5. Ma stai zitto , personaggi come il tuo amico non servono a nessuno , imparate l'educazione e il rispetto x le persone prima di tutto …. animali

  6. Nessuna simpatia per gli ultras, ma certo sarebbe interessante sentire anche la versione dell’accusato, almeno su questo Gobbi ha ragione, sopprattutto se il Signor Piccinelli è coinvolto nel tentativo di fare luce sul pestaggio di Verona: ce le ricordiamo le riprese dei fatti "misteriosamente" scomparse?

  7. due geni: uno tonto e provocatore l’altro manesco e violento ovviamente atteggiamenti non paragonabili … il tifo non c’entra nulla con questa cosa … carissimo Gobbi apprezzo la pacatezza ma le faccio una domanda: come mai quando vado allo stadio io non temo di incorrenre in Daspo ? sarà perchè ci vado per guardare le partite ?

  8. Prima di giudicare, bisogna conoscere, il mondo ultras e’ uno dei pochi che porta avanti molti valori che in questa società sono spariti. Massimo rispetto x Diego e x tutti quelli che lottano x gli ideali

  9. è una sfortunata,perfetta, coincidenza ,tra due incauti(specie la maglietta),
    poteva succedere il contrario a Verona, o Bergamo.
    Io non metterei,incautament e,la maglia del Brescia a Verona,o Bergamo,perchè sò quanti imbecilli "sportivi" abbiamo in giro.

  10. Riferito a "Brescia AiBresciani" se sono questi i Bresciani, c’è da sperare che "gli stranieri" non ci lascino soli con gente di questa risma.

  11. Prima di parlare della gente e commentare sarebbe gradito che la gente si documentasse e approfondisse. Diego é stato un esempio (positivo) per tanti ragazzi che ha portato in giro per l\’Italia e gli ha insegnato con i fatti valori quali il senso dell\’amicizia, la solidarietà, lo spirito di appartenenza e il rispetto per il prossimo; é sempre stato contro il teppismo becero di rompere per rompere e ha sempre remato contro l\’uso delle droghe!!! Prima di parlare di lui, sciacquatevi la bocca razza di perbenisti ipocriti.

  12. Hai ragione ….. gente così va messa in una cattedra universitaria ad insegnare come si sta al mondo …. se hai una bestia così come riferimento non devi essere una volpe nemmeno tu ….

  13. Non conosco personalmente Diego, ma ho avuto modo di frequentare la curva durante gli anni d’oro. E’ una persona che stimo e che ha trasmesso valori importanti ai ragazzi che hanno frequentato lo stadio in quegli anni d’oro. Cari fenomeni del web…Diego è stato un vero e proprio esempio: amicizia, rispetto, solidarietà e stop con la violenza fine a se stessa degli anni 90. Coloro che come sempre hanno le dita rapide sulla tastiera mi fanno pena: qualunquisti sputa-sentenze. Spero vivamente che la notizia si sgonfi dato che, quantomeno, mi sarei aspettato dal BUGIARDINO un contraddittorio.

  14. Fino a prova contraria in Italia c’è ancora libertà d’espressione, quindi come si è permesso questo soggetto di picchiare un’altra persona, solo perchè indossava i colori di un’altra squadra?? Senza parole!

  15. "Diego è stato un vero e proprio esempio: amicizia, rispetto, solidarietà e stop con la violenza fine a se stessa" "é sempre stato contro il teppismo becero di rompere per rompere" Stop ala violenza fine a se stessa? Stop al ropmpere per rompere? Perhcè c’è una giustificazione alla violenza o al teppismpo? Lo stop alla violenza e al teppismo è senza se e senza ma, altrimenti si giustificano stupidaggini come questa in cui uno viene malmenato da un energumeno solo per la maglietta che porta. Direi che il Sig. Piccinelli si è dimostrato quello che probabilmente è: una persona non equilibrata che preferisce usare le mani anzichè la testa. E duno così è a capo degli ultras? Andiamo bene. Non gli darei il DASPO, semplicemnte all’orario della partita lo manderei dietro i monti di casa sua, nelle cave a spaccare pietre, magari dipinte di giallo-verde o nero-blu, così si sfoga, fa un servizio alla comunità ed intanto pensa e riflette e chissà che non riesca a avere pensieri da persona civile. Giustificare la violenza della propria parte politica/sportiva/re ligiosa è tipico dei tifodi, non di uomini e donne ragionevoli

  16. ci vuole tanto poco, applichiamo le stesse regole che hanno applicato in Inghilterra con le tifoserie violente.
    celle negli stadi e processo per direttissima, telecamere che inquadrano ogni metro quadro degli spalti, ma soprattutto sentenze sicure! perché il vero problema dell’Italia è la mancanza della certezza della pena.

  17. Hai ragione: non riesco a capire come uno possa pestare un altro perchè indossa una felpa con i colori che non gli piacciono… Andare a vedere una partita per divertimento, no? Non lo puoi nemmeno concepire?

  18. "Diego é stato un esempio (positivo) per tanti ragazzi che ha portato in giro per l’Italia e gli ha insegnato con i fatti valori quali il senso dell’amicizia, la solidarietà, lo spirito di appartenenza e il rispetto per il prossimo; é sempre stato contro il teppismo becero di rompere per rompere e ha sempre remato contro l’uso delle droghe!!! Prima di parlare di lui, sciacquatevi la bocca razza di perbenisti ipocriti."…bene premesse tutte queste belle parole per questo eroe degli ultras brescia, picchiare senza motivo una persona in una palestra (peraltro luogo pubblico) non può essere per caso classificato come "becero teppismo"? o semplice voglia di muovere le mani? che bell’esempio per quei giovani che ha cresciuto e portato sulla retta via e a cui ha insegnato i veri valori della vita…. mi immagino cosa hanno appreso ‘sti ragazzi visti gi esempi pratici del loro mentore….

  19. E’possibile sentire, avere notizia, capire la versione di questo Piccinelli sull’accaduto ? Non per altro, ma semplicemente per evitare condanne o assoluzioni mediatiche preventive. Se nulla dice il responabile dell’accaduto, allora le cose cambiano e più che di improvvide veline della questura, si parlerebbe di fatti accertati e non di illazioni o di indizi.

  20. partendo dal presupposto che la notizia sia vera, sono d’accordo con te sul fatto che a volte la polizia possa esagerare, a tal proposito sarei a favore, per esempio che sui caschi dei poliziotti in assetto antisommossa comparisse un numero di riconoscimento del singolo soggetto in modo da individuare e isolare gli "esaltati". d’altra parte però non si può essere solidali con una persona che ha commesso un gesto del genere giustificandolo perchè simbolo della sensibilità degli ultras verso determinati temi; giustificare lui equivale a rendere legittime tutte le prese di posizione razziste che avvengono regolarmente in molte se non tutte le curve italiane solo perchè poi gli ultras raccolgono soldi per i terremotati, disoccupati, ecc. non dico che una persona debba essere integerrima ma almeno coerente con quello che fa?!

  21. Concordo con stradivarius brixiensis, sarebbe utile sentire le due versioni, non ce lo vedo sinceramente uno che dopo tutte le battaglie su paolo scaroni, i numeri identificativi, etc etc cade in una cosa del genere, che non è una cosa fuori dal mondo (mai venuti il venerdi sera in carmine? io ci abito, ogni sera del week end di schiaffoni tra compagnie ubriache ce ne sono cento) ma comunque se del caso da sanzionare.
    quel che mi sfugge è il legame con il daspo. cioè, mettiamo: io litigo con uno per un parcheggio in fossa bagni, o in piazza vittoria, magari ci azzuffiamo un po’, non è bello ma può succedere insomma…e per cinque anni non entro allo stadio, che dista dalla zona del fatto 5 chilometri e che in quel momento è deserto?
    cos’è, la proprietà transitiva della diffida?
    qualcuno me la spieghi questa

  22. Massima solidarietà a Diego, portatore di sani valori e purtroppo preso di mira (a differenza di altri che nel panorama bresciano fanno anche peggio) da giornalisti e questura..probabilme nte per il semplice fatto di non essersi mai piegato a questo sistema ipocrita e corrotto?! Certo, tutti possono sbagliare (tranne voi tastieristi che siete dei veri e propri Santi) ma quando si sbaglia è giusto che vengano ascoltate entrambe le parti e vengano prese decisioni in base a ciò che è realmente accaduto! Ad ogni modo mi sorge un dubbio, perchè a Diego è stato aumentato il daspo e questo "veronese" non è stato daspato?? ULTRAS LIBERI!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome