Cani aggressivi o troppo rumorosi? Il Doctor Dog li “cura” con le regole del branco

7

I bresciani che hanno un cane “difficile” da addestrare lo conoscono come Doctor Dog, lo psicologo dei loro migliori amici a quattro zampe. Lui in realtà si chiama Andrea Grisi e da venticinque anni si occupa di educare, ma sarebbe meglio dire rieducare, i cani dei bresciani. Chi ha avuto a che fare con i suoi insegnamenti, tanto rivolti al cane quanto al padrone, si è accorto che non si tratta di magia, ma solo di regole e tanta pazienza. Le stesse che l’addestratore mette in pratica ogni giorno con il proprio fedele aiutante, Vasco, un cucciolo di due anni di Border Collie che lo accompagna ovunque, e soprattutto nella terapia di branco.

Già, avete capito bene. Come per gli umani la condivisione dei problemi all’interno di un gruppo di terapia psicologica aiuta a risolvere il disagio con maggiore facilità, altrettanto succede nel mondo canino e la terapia migliore è quella del branco. Nel mondo animale il branco è fondamentale per il benessere fisico e psicologico del cane, “è nel branco che si crea la gerarchia tra capo e gregari – spiega Grisi –. Il branco serve per procacciare il cibo ed è sempre il branco a difendere il resto dei suoi membri da eventuali attacchi esterni”. Basta trasferire queste semplici regole all’interno di casa nostra per capire che “per i nostri cani il branco è la nostra famiglia – racconta – che si tratti di una persona sola che vive con il proprio animale, di una coppia o di una famiglia allargata piena di bambini, le regole di convivenza tra uomo e cane devono essere rispettate da tutti e ognuno deve ricoprire la posizione di capo rispetto all’animale, bimbi compresi”.

Il motivo? Il cane, per propria natura, è portato a ricoprire due ruoli: o sarà il capo o sarà un gregario, e a seconda che ricopra l’uno o l’atro ruolo all’interno del branco, avrà atteggiamenti e comportamenti diversi. “Nel primo caso sarà lui a camminare davanti al branco, sarà sempre lui a mangiare per primo dopo la caccia e sarà ancora lui a difendere il resto del branco da aggressioni esterna – racconta Doctor Dog – Diversamente, invece, se ricoprirà il ruolo di gregario si lascerà guidare, aspetterà pazientemente il suo turno per il cibo e si sentirà protetto in caso di pericolo”.

Se, pensando al rapporto con il vostro cane vi rendete conto di appartenere alla seconda categoria e di lasciare a lui (o lei) la leadership, allora con ogni probabilità saprete già cosa significa avere un problema di gestione del vostro animale. I modi in cui si manifesta il problema sono i più svariati: si va dall’abbaio compulsivo ogni qual volta che lasciate il cane da solo in casa o in giardino (ansia da separazione), all’aggressività verso i suoi simili, fino alla gelosia morbosa e molesta nei confronti di eventuali bambini o di altri membri della famiglia. Atteggiamenti disturbati che hanno un denominatore comune: il ruolo. Tranquilli, tutto risolvibile, sia per voi che per il cane. Fare tutto da soli però è difficile, anche se non impossibile. “Servono tanta pazienza, un po’ di disciplina e le conoscenze di base del mondo cinofilo – continua Grisi – oltre ad una certa propensione caratteriale”.

Ma anche i cani sono tutti diversi, direte voi. Ognuno ha il suo carattere. C’è chi è più mansueto e chi, invece, dimostra da subito un carattere ribelle e dominate. Possibile che, se sottoposti alle stesse regole, rispondano tutti nello stesso modo? “Certo che no – risponde lo psicologo bresciano dei cani – ed è proprio per questo che ognuno di noi dovrebbe scegliere il proprio cane in base alla propria indole e al proprio stile di vita”. Quindi, se siete pigri e con nessuna propensione a sport e vita all’aria aperta, fareste meglio ad evitare cani come il border collie, il boxer o il jack russell perché, tranne rare eccezioni, sono razze che hanno tanta energia da spendere e, se non potranno sfogarla correndo o giocando, troveranno un altro modo (spesso fastidioso e distruttivo) per calmarsi. Molto meglio scegliere un golden retriver, un labrador, ma anche barboncini e barboni.

Non lasciatevi ingannare, invece, dalla micro-taglia e dagli occhi dolci e sporgenti di pincher, chiwawa e bulldog francesi: “la loro taglia ridotta ci porta istintivamente a proteggerli, coccolarli in continuazione e persino portarli in borsetta – spiega – ma di nuovo, questo atteggiamento iperprotettivo trasforma il cane nel capo e voi nel gregario e, visto che nel mondo animale il capo comanda, avverte del pericolo abbaiando e all’occorrenza è pronto anche mordere per allontanare il suo potenziale aggressore, voi vi ritroverete in braccio un piccolo killer, tanto dolce alla vista quanto mordace alla mano”.

Ma non vi preoccupate, tutto superabile. “Nel corso di questi venticinque anni di vita con i cani, la maggior parte dei quali da rieducare, – assicura Grisi – ho imparato tanto e sto continuando a farlo. Spesso ciò che appare irrisolvibile al padrone si può risolvere con un semplice corso base di obbedienza o, in alternativa, con qualche lezione privata a domicilio se il problema si manifesta più in casa”. Padrone avvisato, cane educato.

Doctor Dog svolge corsi di addestramento e socializzazione a livello base, avanzato e cuccioli in giro per tutta la provincia, oltre a terapie a domicilio. I corsi collettivi sono costituiti da 10 lezioni, ognuna della durata di un’ora. Nei prossimi mesi Doctor Dog sarà a:

BAGNOLO MELLA: inizio 11 febbraio

18,30 cuccioli

19,30 base

20,30 avanzato

PADENGHE DEL GARDA: inizio 12 febbraio

19,30 base

20,30 avanzato

ISEO: inizio 18 marzo

18,30 cuccioli

19,30 base

20,30 avanzato

BRESCIA PARCO CASTELLI: inizio 17 marzo

18,30 cuccioli

19,30 base

20,30 avanzato

In quest’ultimo corso, e solo per il livello avanzato, Doctor Dog ha previsto anche la possibilità di eseguire una prova sull’elicottero.

Per maggiori informazioni: Doctor Dog – Andrea Grisi – Cell. 3331073868

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

7 Commenti

  1. Confermo la bravura di Doctor Dog che ci ha aiutati a capire il nostro border: consiglio a tutti gli amici cinofili un corso con Andrea Grisi, non ne rimarrete delusi.

  2. Confermo la bravura di Doctor Dog che ci ha aiutati a capire il nostro border: consiglio a tutti gli amici cinofili un corso con Andrea Grisi, non ne rimarrete delusi.

  3. la mia labrador, che ringhiava praticamente a tutte le femmine che incontravamo in giro, oggi è tranquilla, scodinzola alla vista di un altro cane…

  4. proverò a seguire i consigli di questo addestratore, chissà che il mio Leo la smetta di abbaiare in continuazione. Più che altro mi auguro che i vicini portino pazienza.

  5. Molto interessante questo articolo. Peccato non essere di Brescia per poter provare "con giunzaglio" le tecniche del doctor dog! qualcuno sà consigliarmi un bravo addestratore nella zona di Vicenza?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome