Il Consiglio approva la rivoluzione post-circoscrizioni, a settembre al voto anche 16enni e immigrati

19

Con il solo voto favorevole della maggioranza di centrosinistra, l’astensione di 5 Stelle e Piattaforma Civica, e il voto contrario di Forza Italia, Lega Nord e XBrescia è passata ieri in Consiglio Comunale la nuova forma per la partecipazione e il decentramento della vita politica e amministrativa del Comune di Brescia.

Dopo le discussioni durante quattro sedute di commissione sono state confermate tutte le norme presentate, con l’aggiunta del voto a partire dai 16 anni. Voto che sarà possibile anche per gli immigrati residenti a Brescia da almeno 5 anni, troppo pochi secondo la Lega che ha protestato in piazza Loggia e poi all’interno del palazzo, indicando provocatoriamente che gli immigrati devono poter votare dopo 16 anni di residenza, come a dire che devono essere nati a Brescia. 

Dunque a settembre si andrà al voto. In ognuno dei 33 quartieri in cui verrà suddivisa la città ci sarà una lista unica, aperta, si auspica Fenaroli, all’associazionismo, al mondo del volontariato, per superare le mere logiche di partito e coinvolgere direttamente i cittadini alla vita del loro comune. Lo stesso motivo per il quale si è deciso per il voto agli immigrati, per coinvolgere attivamente, e includere a livello sociale, 38mila persone che a Brescia lavorano, pagano le tasse e fanno figli.

In aula oltre alla questione-immigrati, e a quella sul numero dei quartieri (che le opposizioni avrebbero abbassato da 33 a 24), la minoranza avrebbe voluto alzare il quorum del 10% per la validità delle elezioni, ma l’emendamento non è stato accolto.
(a.c.)

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

19 Commenti

  1. Più che giusto. Chi vive regolarmente in Italia é giusto che contribuisca, almeno a livello locale, alle scelte della comunità. E’ così più o meno in tutta Europa.

  2. beh, nei consigli di quartiere sono anche d’accordo al voto per gli immigrati, meno ai 16enni. Non credo che a quell’età ci si debba già occupare di cose serie!

  3. la sinistra di Del Bono almeno si occupa della città, caro @fuffa! Mi dispiace che tu non lo veda, questa è democrazia partecipativa, ma se non lo capisci è un limite tuo e te lo lascio!

  4. La polemica è all’ordine del giorno, ormai: se fanno ci si lamenta, se non fanno nulla ci si lamenta, ma lo sapete che Babbo natale non esiste e la marmotta non confenziona la cioccolata?

  5. Organismo pletorico che non conterà nulla e costerà, per le elezioni, un sacco di soldi. sai che democrazia partecipativa vogliono i Piddini. Il livello nazionale ne è un esempio: loro stessi hanno affondato il loro premier per faide di potere, ignorando il Parlamento. Siamo tornati al PCUS? Siaomo tornati ai tempi di Breznev?

  6. i piddini come li chiami tu hanno eletto il loro segretario con le primarie a cui hanno partecipato 3 milioni di persone. Altri partiti in Italia non hanno un segretario scelto dagli elettori, ma hanno un padrone che nomina i suoi sottoposti.

  7. Bene, tre milioni (boom) di piddini, molti dissenzienti rispetto a Renzi, non pochi dei quali hanno votato piu’ volte, hanno scelto il loro segretario. Ora, che secondo la peggior tradizione sono saliti quasi tutti sul carro del vincitore, pretendono di scavalcare il Parlamento. Eppure solo fino a due giorni fa gli stessi soggetti magnificavano l’opera del governo Letta. Come mai questo dietro front? Siamo tornati al ”contrordine compagni”? E’ questo il concetto di democrazia che siete disposti a trangugiare? Gli elettori italiani sono circa quaranta milioni; pensate che approvino? Come sempre la situazione e’ grave, ma non e’ seria, per dirla con Flaiano.

  8. infatti si occupano talmente bene dei problemi della citta’ che in un anno ha perso una marea di posti nella classifica sulla qualita’ della vita……..

  9. Questo disse il Presidente del Consiglio (da domani) della Repubblica Italiana, alfiere del PD cioè del cosiddetto centrosinistra nostrano:

    Matrimoni gay? Contrario”. “Diritto all’eutanasia? Contrario”. “Liberalizzazione delle droghe leggere? Contrario”. “Io sto dalla parte di Marchionne, dalla parte di chi sta investendo sul futuro delle aziende…”. “Referendum? Voterò ‘no’ all’abolizione della remunerazione sull’acqua”. “Sbaglia il Pd ad aderire allo sciopero della Cgil”. “Mi ritrovo nella lettera della Bce. Sì all’aumento dell’età pensionabile”.
    Sono solo alcune delle celebri frasi pronunciate da Matteo Renzi tra il 2008 e il 2011.

    Bene fa il Movimento 5 Stelle, in assenza di un passaggio parlamentare di sfiducia nei confronti di Letta, a non prsentarsi nemmeno al cospetto di Napolitano per la farsa delle consultazioni con i Capigruppo delle formazioni politiche presenti in Parlamento, sapendo che il PD con la bendizione occulta del socio Berlusconi, con cui sono in ottima sintonia, ha già mandato a Palazzo Chigi il suo giovine Berluschino da Firenze. Non in bocca al lupo, ma in bocca la caimano !

  10. forse perchè fato sempre I chiassosi e poi quando dovete trovarvi a quattr’occhi con RE GIORGIO ve la fate in brache. dai su

  11. è vietato criticare il pd? è vietato scrivere che è il partito delle banche e degli immigrati? è vietato scrivere che con i voti di un quarto degli italiani spadroneggia senza ritegno in tutti i settori? e noi continueremo a scriverlo e a dirlo ovunque!

  12. ma che significa astensione ? E’ imbarazzante questa logica di M5S e quell’altra civica…li avete votati ? ed ora teneteveli

  13. Astensione, nel caso specifico, significa semplicemente che se si deve votare per la nascita di un’istituzione poubblica (i consigli di quartiere) senza conoscere nulla delle deleghe e delle competenze ancorchè solo consultive che verranno affidate a tale istituzione parlando solo di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini, significa essere razionalmente impossibilitati a dire sì o no. Sarebbe come chiedere ad un Consigliere di Amministrazione di una società di votare a favore o contro la creazione della figura di un Vicedirettore Generale senza sapere di cosa dovrà in concreto occuparsi e perchè. Imbarazzante, in questo caso, è dire di sì o di no…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome