Convegno bresciano: il poliziotto e la gestione delle emozioni

0

Nel quadro delle iniziative a sostegno del personale e sulla base dell’impulso dato dalla Commissione paritetica per la protezione sociale e il benessere del personale si è svolta – in collaborazione con il locale Consiglio dell’Ordine degli Psicologi – presso la Scuola Pol.G.A.I. nella giornata odierna, fortemente voluta dal Questore Dr. Luigi De Matteo, una conferenza incentrata sul tema “Il Poliziotto e la gestione delle emozioni”.

La gestione delle emozioni nei confronti delle vittime, degli autori, nei rapporti con la folla, e comportamenti violenti, uso della forza legittima e comunicazione.

Il seminario è stato completato dai laboratori di approfondimento e discussione.

L’iniziativa è nata dalla crescente necessità di fornire un sostegno formativo agli operatori di Polizia per alcuni momenti tra i più delicati e difficili della propria vita professionale, eventualmente ricadenti anche su quella personale. Tale attività rientra nel percorso formativo che ogni operatore di polizia effettua durante l’anno come aggiornamento obbligatorio.

In questo caso si è sottolineato come l’attività di polizia essenzialmente prevenzione e mediazione dei conflitti, con una funzione pubblica di controllo, sia espressione dello Stato e della sua forza legittima.

Il poliziotto, nel suo delicato e complesso lavoro, corre il rischio di diventare tutt’uno con la sua “maschera”, di perdere la sua individualità e la sua identità; si sente parte del sistema sicurezza e della sua Amministrazione, tutore della legge e della legalità, in relazione con il cittadino, in quanto suo protettore. Ma è anche una persona con proprie emozioni e vicende personali, che tuttavia –inevitabilmente- vanno ad incidere negli interventi su situazioni di conflitto o di particolare tensione, con il potere-responsabilità nei casi più estremi di limitare la libertà delle persone.

Il carico emotivo quotidiano dell’operatore di polizia spesso trova l’ausilio di familiari, amici, colleghi o superiori, e si sente sempre più la necessità di essere formati e poter ricevere sostegno specialistico.per lo più senza il coinvolgimento di sostegno specialistico, né psicologico né medico.

L’approfondimento di temi relativi alla gestione della propria e della altrui emotività, in un contesto particolare di professionalità quale quello degli agenti della Polizia di Stato, è pertanto una costante preoccupazione del Dipartimento della P.S. che sostiene e promuove tali iniziative, contesto in cui si è inserita la giornata di formazione organizzata su impulso del Questore.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome