Sindaco Del Bono, un’indagine conferma il consenso delle urne

9

Per il 56,5 per cento dei bresciani apprezza il lavoro fatto in questi mesi dal sindaco Emilio Del Bono. Questo quanto emerge da un’indagine telefonica condotta da Datamedia Ricerche per “Monitorcittà” su un campione di ottocento persone. Se nella classifica del Sole 24 Ore di un mese fa, Del Bono si era guadagnato il 23esimo posto tra i 36 sindaci di capoluogo, questa nuova indagine lo posiziona al 21esimo posto. Un’ulteriore conferma per il primo cittadino di Brescia, che conferma il dato (56,5%) con il quale ha battuto al ballottaggio il rivale di centrodestra, Adriano Paroli, già sindaco di Brescia nel quinquennio 2008-2013.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

9 Commenti

  1. Votato dagli unici 4 gatti che sono andati a votare….si sa che i piddini andrebbero a votare pure sotto le bombe.I più affezionati alla casta sono proprio loro.

  2. Ci diranno sempre l’esito del sondaggio, ma mai da chi è composto il campione: lasciamo perdere. Guardiamo invece i fatti (pochini) di questo amletico, temporeggiatore primo cittadino "giovane di studio" in balìa di squali ed avvoltoi con curricula ventennali…

  3. beh: anche l’attuale sindaco è un "giovane di studio" ultraventennale….. pertanto lo possiamo definire squaletto? carpa? trotina?

  4. Presi gli appunti. Ho tanti spunti per scrivere un libello sulla storia del Comune di Brescia negli ultimi 20 anni.

  5. Mi sà che mi devo preoccupare…Questa ricerca di consenso normalmente anticipano decisioni successivamente poco vantaggiose per il comune cittadino. Inizia il piano di privatizzazione per qualche servizio pubblico? Sono aperte le scommesse.

  6. Cambiamo l’aria o cambiamo Del Bono? Fino ad oggi non ha fatto alcunché: perfino la vendita di quote della Centrale del Latte è stata un fallimento totale, nessuna offerta è stata presentata. Che strateghi il sindaco e l’assessore al bilancio! Ora stiamo a vedere con la vendita del 2,5% di A2a. Sonoconvinto che dopo l’eventuale vendita della tranche bresciana e di quella milanese, la quotazione tracollerà.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome