Picchiato e abbandonato per strada: intimidazione mafiosa. Arrestati sei calabresi

0

Sei calabresi residenti nel Bresciano sono stati arrestati con l’accusa di rapina, lesioni e sequestro di persona. Il motivo? Lo scorso 6 novembre i sei avrebbero fermato un conterraneo residente a Roncadelle mentre l’uomo si stava dirigendo in banca, lo avrebbero caricato su un furgone per poi picchiarlo e abbandonarlo lungo l’argine del Mella. La vittima, dopo essere stata soccorsa e ricoverata in , si è però chiusa in un silenzio sospetto.

Tanto che la squadra mobile ha deciso di indagare scoprendo che dietro il pestaggio ci sarebbe un’organizzazione di stampo mafioso probabilmente in contatto con la cosca Pesce di Rosarno. Secondo le indagini infatti i sei calabresi avrebbero affidato alla vittima il ruolo di amministratore di una società, ruolo che però lui ha rifiutato rimandando ad un altro soggetto. Da lì la decisione di punire il rifiuto con un pestaggio intimidatorio. In pieno stile mafioso. I sei calabresi sono stati quindi arrestati, ora in custodia cautelare.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome