Il Link Art Center vince un bando europeo per progetti di cooperazione in ambito culturale

0

Il Link Art Center è fiero di annunciare di essere tra i vincitori del programma Europa Creativa 2014 – 2020 con il progetto MASTERS & SERVERS. Networked Culture in the Post-Digital Age, messo a punto con altri quattro partner da altrettanti paesi europei: Aksioma (Slovenia), Drugo more (Croazia), Abandon Normal Devices (Gran Bretagna) e d-i-n-a (Spagna). Con il sostegno dell’Europa, per ventiquattro mesi (dal settembre 2014 all’agosto 2016) i cinque partner daranno vita a una serie di eventi, mostre, pubblicazioni, seminari volti a investigare la  cultura di rete nell’era post-digitale. Con questo risultato, il Link Art Center – nato nel 2011 e da allora attivo in ambito espositivo ed editoriale, a livello nazionale e internazionale – si vede riconosciuto il ruolo di istituzione culturale italiana di primo livello nell’indagine della contemporaneità.
 
All’indomani della rivoluzione digitale, è emersa una situazione incerta. Nuovi mezzi di comunicazione, creazione e disseminazione ci sono stati offerti senza alcuna indicazione su come usarli. Il risultato è che, “invece di ottimizzare le nostre macchine per l’uomo, stiamo ottimizzando l’uomo per le macchine” (Douglas Rushkoff). Può l’arte assumere un ruolo chiave nell’invertire questo processo?

MASTERS & SERVERS è un progetto che – per 24 mesi – investigherà la  cultura di rete nell’era post-digitale, i suoi attuali effetti sulla società e le sue possibilità future, lungo 3 linee tematiche principali:

1. Immaginazione. Le tecnologie plasmano nuove forme di rappresentazione, narrazione e dialogo sociale. Che senso diamo al nostro essere connessi, insieme pubblico e anonimo, individuale e collettivo, politico e personale?

2. Riproduzione. Nuove forme di creazione e distribuzione stanno modificando il rapporto tra amatore e professionista. In che modo tutto ciò influenza la (ri)produzione culturale?

3. Azione. Artisti attivisti e aziende creano strumenti di distribuzione virali e collaborativi, sovvertendo dinamiche note e prevedibili. Quali forme di impegno e avventura fanno emergere?

Cinque organizzazioni chiave nella scena della media art europea uniranno le forze nell’esplorazione di una situazione sfaccettata in cui media artist, hacktivisti e creatori attraversano le frontiere che separano arte contemporanea, intervento sociale e invenzione amatoriale. Insieme produrranno mostre e opere nuove, lanceranno concorsi e piattaforme online, metteranno in movimento artisti e lavori. Le tematiche che emergeranno saranno documentate in pubblicazioni e condivise attraverso seminari ed eventi pubblici. Nel suo complesso, il progetto mira a rafforzare le capacità operative dei singoli partner, e a coinvolgere audience attuali e potenziali in una conversazione dinamica che apra la strada a connessioni inaspettate sull’intero spettro della creatività contemporanea.

I primi esiti di questa collaborazione saranno visibili già a partire da settembre 2014, con l’inaugurazione della mostra Eternal September. The Rise of Amateur Culture, curata da Valentina Tanni presso la Škuc Gallery di Lubiana, e co-prodotta da Aksioma – Institute for Contemporary Art e Škuc in partnership con Link Art Center, che ne editerà il catalogo (dal 2 al 26 Settembre 2014; maggiori informazioni: www.aksioma.org/eternal.september).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome