La protezione animali scopre cava abusiva a Mazzano: già trovati i responsabili

1

Una cava abusiva di circa 2mila metri cubi a Mazzano, al confine tra Rezzato e Castenedolo, è stata scoperta per caso dall’Anpana di Brescia (l’Associazione protezione animali, natura e ambiente), mentre era impegnata in un servizio di guardia venatoria. Gli uomini hanno notato due mezzi per movimentare la terra e questo li ha insospettiti tanto da chiamare la Polizia Locale. Gli agenti, scrive il Giornale di Brescia, hanno subito accertato che l’escavazione era abusiva e immediata è stata anche l’identificazione degli autori: a giugno, infatti, questi avevano chiesto il permesso all’ufficio tecnico del Comune di Mazzano, per livellare il terreno e nonostante le operazioni fossero terminate a fine agosto, i lavori avevano comunque proseguito.  Ora si indaga sulla vicenda, visto che gli agenti hanno accertato la presenza di tre grandi buche e scavi fino a un metro di profondità. Verrà, come ha spiegato la comandante Luisa Zampiceni al quotidiano,  formalizzata una sanzione amministrativa, pari a circa 10mila euro.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome