Omicidio Niardo, Lanfranchi: non volevo uccidere. Silenzio davanti al pm

0

Quando Tullio Lanfranchi è stato arrestato venerdì sera per l’uccisione della moglie Gloria Trematerra, agli inquirenti, quando non era ancora assistito dal suo legale, l’uomo ha confessato: “Non volevo uccidere”.

Oggi, invece, quando il suo avvocato gli era vicino, Lanfranchi durante l’interrogatorio per la convalida dell’arresto si è avvalso della facoltà di non rispondere. Oltre al reato di omicidio nei confronti della moglie, il pm della Procura di Brescia, Carlo Pappalardo, ha contestato anche il tentato omicidio nei confronti della figlia 18enne Alice, che l’uomo ha utilizzato come esca per far entrare in casa la moglie e, dopo un breve litigio, colpirla con 7 fendenti tra il volto e il petto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome